L’alberghiero «Caterina de’ Medici» in un primo tempo era rimasto escluso dall’elenco dei nuovi indirizzi scolastici. A Gardone e Desenzano, validi per tecnico dei servizi turistici o della ristorazione

Dietrofront, autorizzati i due corsi serali

17/02/2004 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

L’is­ti­tu­to alberghiero «Cate­ri­na de’ Medici» di Gar­done Riv­iera ha ottenu­to dal­l’Uf­fi­cio sco­las­ti­co regionale l’au­tor­iz­zazione ad atti­vare un cor­so serale nelle due sedi di Gar­done e Desen­zano. Si è dunque con­clusa pos­i­ti­va­mente una vicen­da che ha vis­su­to alcu­ni intop­pi impre­visti, lamen­tati nelle scorse set­ti­mane dal pre­side Maz­za­cani. In autun­no l’asses­sore provin­ciale Rober­to Faustinel­li, sen­ti­to il Comi­ta­to del­l’istruzione, com­pos­to da rap­p­re­sen­tan­ti degli enti locali, diri­gen­ti sco­las­ti­ci, tra cui il provved­i­tore Giuseppe Colo­sio, ecc., ave­va dato l’assen­so alla nasci­ta di undi­ci nuovi ind­i­rizzi per il 2004-05. Pas­sato a , l’e­len­co è sta­to rat­i­fi­ca­to dal Pirellone, dopo avere inter­pel­la­to la Direzione gen­erale del Min­is­tero. Senonchè il decre­to defin­i­ti­vo, fir­ma­to in gen­naio, con­tene­va i nomi di dieci scuole: man­ca­va pro­prio il Cate­ri­na de’ Medici, dimen­ti­ca­to per un banale ma spi­acev­ole errore. Fuo­co e fiamme del diri­gente Clau­dio Maz­za­cani, finchè le cose sono tor­nate a pos­to. Intan­to a Gar­done Riv­iera e a Desen­zano sono state aperte le iscrizioni: chi­ud­er­an­no a mag­gio. Il cor­so serale, forte­mente volu­to dal­l’Is­ti­tu­to, risponde ad un bisog­no forte­mente rad­i­ca­to nel ter­ri­to­rio. Molti infat­ti gli adul­ti che, per varie ragioni, sono inter­es­sati a con­seguire una qual­i­fi­ca pro­fes­sion­ale ben spendibile sul mer­ca­to del lavoro del tur­is­mo o a com­pletare la loro for­mazione nel set­tore guadag­nan­dosi, con il 5° anno, il tito­lo di «tec­ni­co dei servizi tur­is­ti­ci» o «del­la ris­torazione», che dà acces­so a tut­ti i cor­si di lau­rea. I prin­ci­pali des­ti­natari di questo ulte­ri­ore ampli­a­men­to del­l’of­fer­ta sono gli stu­den­ti che han­no dovu­to abban­donare gli stu­di, o han­no mat­u­ra­to solo nel tem­po le nec­es­sarie moti­vazioni, oppure quegli oper­a­tori del set­tore che, nel con­testo lavo­ra­ti­vo, han­no rag­giun­to la con­sapev­olez­za del­la neces­sità di una for­mazione anche teor­i­ca per rag­giun­gere più alti tra­guar­di pro­fes­sion­ali. Le ade­sioni sono già numerose, soprat­tut­to per la classe terza, che con­clude il per­cor­so per ottenere la qual­i­fi­ca pro­fes­sion­ale, e per la quar­ta, che dà inizio al bien­nio post-qual­i­fi­ca e acces­so alla for­mazione tec­ni­ca supe­ri­ore (gli Ifts). In chiusura ricor­diamo che gli allievi del­la 5^ di Gar­done Riv­iera sono appe­na rien­trati da 15 giorni di stage dal­l’Iso­la di Sal, nel­l’arcipela­go di Capo Verde, di fronte alle coste atlantiche del­l’Africa. Si trat­ta di una delle numerose attiv­ità di tirocinio, fiore all’oc­chiel­lo del­la scuo­la, che ha fat­to del­l’in­ser­i­men­to diret­to in strut­ture di tut­to il mon­do uno degli stru­men­ti più effi­caci di cresci­ta degli stu­den­ti. Il Djad­sal Holy­day Club, un resort da quat­tro stelle, ha accolto i ragazzi nei set­tori di cuci­na, sala-bar, rice­vi­men­to e orga­niz­zazione di even­ti, per­me­t­ten­do loro una sig­ni­fica­ti­va espe­rien­za in un con­testo inter­nazionale. Lo stage è sta­to anche l’oc­ca­sione per rin­sal­dare i rap­por­ti tra le isti­tuzioni del­l’Iso­la di Sal e la cit­tà di Desen­zano, con cui da tem­po esiste un . A pri­mav­era, a cav­al­lo delle fes­tiv­ità pasquali, altre clas­si saran­no coin­volte in attiv­ità di tirocinio: in Puglia e Toscana.

Parole chiave: -