«Dimmi Riva» quale futuro per la Miralago

10/10/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Si è svol­ta ven­erdì 10 otto­bre al com­pen­dio Mirala­go a cura del­la soci­età pub­bli­ca Lido di Riva del Gar­da Srl la parte­ci­pa­ta cer­i­mo­nia di pre­mi­azione del con­cor­so d’idee per la «Riqual­i­fi­cazione e val­oriz­zazione del com­pen­dio Mirala­go», e la con­tes­tuale inau­gu­razione del­la mostra di tut­ti gli elab­o­rati parte­ci­pan­ti (che sono 33). Per quan­to riguar­da l’am­min­is­trazione comu­nale, si è trat­ta­to del­l’inizio di un per­cor­so di parte­ci­pazione e con­fron­to con la cit­tad­i­nan­za, che sarà sol­lecita­ta ad esprimer­si per mez­zo di «Dim­mi Riva», un inno­v­a­ti­vo prog­et­to svilup­pa­to assieme al Con­sorzio dei Comu­ni trentini.

Oltre al sin­da­co e a parte del­la Giun­ta, era­no pre­sen­ti alcu­ni con­siglieri e il pres­i­dente del Con­siglio comu­nale Mas­si­mo Accor­si, i ver­ti­ci di Lido di Riva del Gar­da Srl tra cui il pres­i­dente Andrea Dalponte e il con­sigliere Gia­co­mo Bernar­di, il pres­i­dente del­la Comu­nità di Valle Sal­vador Valan­dro e il respon­s­abile del­l’Area Inno­vazione del Con­sorzio dei Comu­ni Tren­ti­ni Wal­ter Mer­ler. Si ricor­da che si trat­ta di un con­cor­so di idee, dunque di una inizia­ti­va non vin­colante, il cui obi­et­ti­vo è dis­porre di un pri­mo nucleo di sug­ger­i­men­ti qual­i­fi­cati, con il quale avviare un per­cor­so di con­fron­to e di rif­les­sione col­let­ti­va cir­ca le scelte su un com­pen­dio di stra­or­di­nario pre­gio e di un’area di ril­e­vante val­ore ambi­en­tale. Per questo la mostra vuole essere il pun­to di parten­za di una rif­les­sione allarga­ta alla cit­tad­i­nan­za, che è dunque invi­ta­ta a vis­itare la mostra (allesti­ta per la dura­ta di tre set­ti­mane), las­cian­do le pro­prie opin­ioni diret­ta­mente in loco, per mez­zo di due postazioni infor­matiche allestite apposi­ta­mente, oppure via Twit­ter (hash­tag #dim­miRi­va) o e‑mail (ind­i­riz­zodimmiriva@comune.rivadelgarda.tn.it). Sul sito web del Comune (www.comune.rivadelgarda.tn.it) saran­no disponi­bili tut­ti gli aggior­na­men­ti, e dopo la chiusura del­la mostra sarà pos­si­bile esprimere opin­ioni e sug­ger­i­men­ti con la stes­sa pro­ce­du­ra on-line ora disponi­bile nel­la sede del­la mostra. «Dim­mi Riva» cos­ti­tu­isce per il Con­sorzio dei Comu­ni tren­ti­ni una novità asso­lu­ta e un prog­et­to-pilota, des­ti­na­to ad essere uti­liz­za­to in futuro per inizia­tive di parte­ci­pazione e con­sul­tazione, ed è sta­to pre­sen­ta­to e illus­tra­to anche per mez­zo di una video-inter­vista al sin­da­co Mosan­er, disponi­bile sul sito web del Con­sorzio, all’indirizzowww.innovazione.comunitrentini.tn.it/Comu­ni­cazione/­Mul­ti­me­di­a/I-video.

«É ques­ta un’oc­ca­sione impor­tante per la nos­tra cit­tà – ha det­to il sin­da­co Adal­ber­to Mosan­er – che è chia­ma­ta ad esprimer­si diret­ta­mente e a parte­ci­pare alle scelte riguardan­ti un’area di stra­or­di­nar­ia impor­tan­za. Il con­cor­so di idee, del quale invi­to i concit­ta­di­ni a vis­itare la mostra, è un pun­to di parten­za, un modo per fornire degli spun­ti qual­i­fi­cati, opera di pro­fes­sion­isti del­la mate­ria, e dal quale mi auguro nascerà un dibat­ti­to e un con­fron­to allarga­to, appro­fon­di­to, appas­sion­a­to. Da parte nos­tra, come ammin­is­trazione comu­nale abbi­amo real­iz­za­to, assieme al Con­sorzio dei Comu­ni, una inno­v­a­ti­va piattafor­ma web, del­la quale ho anche par­la­to ieri con il min­istro Lanzetta, in visi­ta ad Arco; il quale mi ha dato appun­ta­men­to a Roma per appro­fondire il tema, in vista di un pos­si­bile impiego anche in altre zone d’I­talia. Ai concit­ta­di­ni dico che le opin­ioni di tut­ti saran­no lette e val­u­tate con atten­zione dal­la Giun­ta munic­i­pale, e cos­ti­tuiran­no un doc­u­men­to di sin­te­si che sarà ogget­to di una pre­sen­tazione for­male nel Con­siglio comu­nale. Ques­ta parte del­la nos­tra cit­tà è rimas­ta per trop­po tem­po con­ge­la­ta, è venu­to il momen­to di pen­sare tut­ti assieme come svilup­parne nel modo migliori le enor­mi poten­zial­ità, anche per dare un nuo­vo impul­so al tur­is­mo e quin­di all’economia».

Per quan­to riguar­da il con­cor­so di idee, sono sta­ti pre­miati i tre pri­mi clas­si­fi­cati: pri­mo il rag­grup­pa­men­to com­pos­to dal capogrup­po stu­dio asso­ci­a­to Artec­no di Rovere­to, dal­la soci­età Emilio Pizzi Team Archi­tects di Milano, dal­lo stu­dio asso­ci­a­to Emmetiemme di Riva del Gar­da, dall’architetto Simona Prezzi di Rovere­to e dall’architetto Davide Con­so­lati di Volano; al sec­on­do pos­to la pro­pos­ta prog­et­tuale del team guida­to dal gio­vane architet­to parmi­giano Alessan­dro Gat­tara, coaudi­u­va­to dal con­ter­ra­neo Lucio Ser­pagli e dall’architetto rivano Fabio Ped­er­zol­li; al ter­zo pos­to, infine, il prog­et­to ideato dal team guida­to dal­lo stu­dio asso­ci­a­to Lan­design di Pesaro, com­pos­to dagli architet­ti Alber­to Gian­goli­ni e Sabi­na Filippi.

Parole chiave: