Il premio «Catullo» istruzioni per l’uso. Sarà chiusa la strada tra piazzale Europa e piazzale Porto

Domani Cossiga e Costanzo «alla carriera»

03/07/2005 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.t.

Una Sirmione blin­da­ta quel­la di domani sera in occa­sione del­la cer­i­mo­nia di pre­mi­azione del «Cat­ul­lo». Stop all’intera cir­co­lazione in entra­ta e in usci­ta dal cen­tro stori­co dalle 20 alle 24, divi­eto di cir­co­lazione dalle 14 alle 24 per tut­ti i veicoli nel trat­to com­pre­so fra piaz­za­le Europa (palaz­zo dei Con­gres­si) e piaz­za­le Por­to con l’aggiunta del divi­eto di sos­ta con rimozione forza­ta. L’area dove è mon­ta­ta da tem­po la strut­tura che accoglierà lo spet­ta­co­lo «Una notte a Sirmione», che poi ver­rà trasmes­so alle 21 di mer­coledì 6 luglio su Rai Uno, sarà prati­ca­mente inavvic­in­abile all’infuori degli invi­tati. I motivi di tan­to rig­ore sono ricon­ducibili alla pre­sen­za dell’ex capo del­lo Sta­to, Francesco Cos­si­ga (pre­mio alla car­ri­era, così come Mau­r­izio Costan­zo), del min­istro del­la Fun­zione pub­bli­ca Mario Bac­ci­ni e dei prefet­ti di Verona e Bres­cia. Sen­za con­tare le altre cariche isti­tuzion­ali region­ali e locali (la vicepres­i­dente del­la Regiona, Viviana Becca­los­si, l’assessore al tur­is­mo e sport Pier­gian­ni Pros­peri­ni, il pres­i­dente del­la Provin­cia Alber­to Cav­al­li, i questori di Bres­cia e Verona) ed autorità giudiziarie e mil­i­tari. Invi­tati dal con­dut­tore Car­lo Con­ti sali­ran­no i pre­miati che sono, oltre a Cos­si­ga e Costan­zo, Mon­i­ca Leofred­di (pro­gram­mi tv) per il suo «Italia sul 2», Enzo Bet­ti­za e Mon­i­ca Mag­gioni (gior­nal­is­mo). Seguiran­no i molti ospi­ti, come Marisa Lau­ri­to, Mas­si­mo Ranieri, Niki Nico­lai, Ste­fano di Bat­tista, Giuseppe Povia, il Coro dell’Arena e la com­pag­nia del musi­cal «La feb­bre del saba­to sera». E anco­ra, tra le «mis­te­riose» sor­p­rese ci sarà la pre­sen­tazione di un menù che Cos­si­ga predilige. Una sor­ta di omag­gio culi­nario da parte di oltre quar­an­ta chef bres­ciani, coor­di­nati dal sirmionese Ezio Cam­pag­no­la, che esi­bi­ran­no anche piat­ti tradizion­ali del­la loro ter­ra. Una passerel­la gas­tro­nom­i­ca con l’accompagnamento dei vini locali. Inoltre, Ste­fano Lizzeri, chef sirmionese e mae­stro dell’associazione «Arte in Tavola», farà riv­i­vere l’antico rito di scac­cia­re il mal­oc­chio. Sul pal­co, oltre a Car­lo Con­ti e ad una schiera di splen­dide «veline», ci sarà lo sta­to mag­giore del­la Rai, a com­in­cia­re da Fab­rizio Del Noce e Bruno Ves­pa. Con loro, i mem­bri del­la giuria Anto­nio Caprar­i­ca, Car­men Lasorel­la, Cor­radi­no Mineo, Mario Pasi e Car­lo Rossel­la, quin­di il sin­da­co Mau­r­izio Fer­rari e l’assessore al tur­is­mo Gior­dano Sig­nori, al quale si deve la scommes­sa di aver volu­to trasfor­mare il pre­mio «Cat­ul­lo» dal­la sua orig­i­nar­ia veste let­ter­aria in quel­la gior­nal­is­ti­ca, sicu­ra­mente più spet­ta­co­lare. A con­ferire il pre­mio tele­vi­si­vo a Mon­i­ca Leofred­di, inseri­ta in una «rosa» di diverse trasmis­sioni, è sta­to il voto espres­so dagli oltre cen­to let­tori del­la comu­nale di Sirmione, men­tre i restanti pre­mi sono sta­ti asseg­nati diret­ta­mente dal­la giuria degli esper­ti pre­siedu­ta da Bruno Vespa.

Parole chiave:

Commenti

commenti