Gran finale delle celebrazioni dannunziane con la cena di gala e le premiazioni al Savoy

Domani rientrano le auto del raid Gardone-Vienna

21/09/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Più veloci d’un lam­po. Il «Raid dan­nun­ziano su Vien­na» (una trenti­na di vet­ture storiche lan­ci­ate oltr’Alpe) dove­va scattare mart­edì alle 14 da Gar­done Riivera. Ma i piloti era­no così scal­pi­tan­ti che han­no acce­so i motori a mez­zo­giorno e mez­zo, par­tendo per il Nord. «L’Austria è lon­tana, meglio accel­er­are i tem­pi», e via rom­ban­do. Quan­do alcu­ni cro­nisti di radio e tv sono arrivati per pren­dere nota delle emozioni, non era rimas­to nem­meno il fumo dei tubi di scap­pa­men­to. Nell’ambito del­la «Set­ti­mana» ded­i­ca­ta a , il pro­gram­ma prevede­va il Raid orga­niz­za­to dal Club in col­lab­o­razione col Vit­to­ri­ale, col Comune e l’Aci e col patrocinio del­la Provin­cia: una rie­vo­cazione in chi­ave stor­i­ca, cul­tur­ale e tur­is­ti­ca del cele­bre volo pro­pa­gan­dis­ti­co effet­tua­to dal Vate il 9 agos­to 1918. Dopo un rin­fres­co nei gia­r­di­ni, le ven­tisette vet­ture si sono messe in ordine per il via. Una Lan­cia Bel­na Pourtout, costru­i­ta su telai dell’Augusta nel ’34, una Buik super­ot­to con­vert­ibile, una Bris­tol 400, una Aston Mar­tin DB4, Jaguar, Mer­cedes, Bmw, Porsche, Fer­rari. Il rien­tro a Gar­done Riv­iera è pre­vis­to per domani pomerig­gio, con cena di gala e pre­mi­azioni all’hotel Savoy. Nei prossi­mi anni si svol­ger­an­no altri raduni per cel­e­brare le local­ità del poeta. Nel set­tem­bre 2002 il «volo» su Fiume; l’anno suc­ces­si­vo Arca­chon, in Fran­cia, sull’Atlantico, dove D’Annunzio visse per lunghi peri­o­di; nel 2004 la Cap­ponci­na e la Ver­sil­iana, altre sue res­i­den­ze; quin­di Pescara, la cit­tà . Un pro­gram­ma quin­quen­nale, nel quale sto­ria e cul­tura fan­no da gui­da al tur­is­mo e al revival, per­me­t­ten­do agli appas­sion­ati delle quat­tro ruote (d’epoca) di riv­i­vere la pas­sione per i motori che tan­to influen­zò la vita di D’Annunzio. L’altra sera, intan­to, dalle 17 alle 2, ci sono state le ultime gio­cate sui tavoli ver­di. Il Cas­inò «sper­i­men­tale» allesti­to a Vil­la Alba ha con­sen­ti­to di provare il briv­i­do del proibito con croupi­er pro­fes­sion­isti. I pre­mi, rig­orosa­mente in natu­ra. Gli utili ver­ran­no des­ti­nati alla Croce rossa.