L’Università del Baldo presenta i corsi e s’ interroga sul parco

Domani sera all’ex Pretura di Caprino

12/10/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Delibori

Domani sera alle 20.30, nel­la sala del­la ex Pre­tu­ra di Capri­no, l’ ambi­ente monte pre­sen­terà i cor­si e l’attività dell’undicesimo anno. La ser­a­ta, che prevede la proiezione di dia­pos­i­tive, sarà occa­sione anche per una dis­cus­sione sul futuro del Monte Bal­do alla luce del­la recente pro­pos­ta di isti­tuzione del Par­co nazionale. È dal 1990 che il grup­po Ctg Monte Bal­do di Capri­no pro­pone ogni anno una serie di cor­si di conoscen­za del ter­ri­to­rio baldense, sot­to l’egida dell’Università, pro­poste che stan­no riscuo­ten­do un buon suc­ces­so. «In questi 11 anni di attiv­ità sono sta­ti orga­niz­za­ti oltre un centi­naio di cor­si con argo­men­ti i più diver­si, dagli aspet­ti geo­logi­ci a quel­li botani­ci, dal­la sto­ria alle tradizioni popo­lari e al dialet­to, dal­la gas­trono­mia all’astronomia, all’arte, cui han­no parte­ci­pa­to oltre duemi­la per­sone», spie­ga la vicepres­i­dente del Ctg Elisa Fat­torel­li. «I cor­si sono decen­trati nei vari pae­si del Bal­do Gar­da e a Verona per­ché l’Università Ambi­ente ha lo scopo di svilup­pare, appro­fondire e divul­gare lo stu­dio del ter­ri­to­rio del Monte Bal­do, tramite una cor­ret­ta edu­cazione ambi­en­tale che imp­ie­ga la metodolo­gia del­la ricer­ca e del­la scop­er­ta per­son­ale, attra­ver­so un con­tat­to diret­to e vivo con l’ambiente». L’iniziativa gode del patrocinio del­la Comu­nità mon­tana e dei comu­ni balden­si e si svilup­pa in col­lab­o­razione con altre isti­tuzioni locali, quali bib­lioteche o asso­ci­azioni cul­tur­ali. «Il pre­sup­pos­to per com­pren­dere i mec­ca­n­is­mi e i rit­mi che gov­er­nano il Bal­do Gar­da è la conoscen­za appro­fon­di­ta del ter­ri­to­rio, sia dal pun­to di vista fisi­co, bio­logi­co che umano, in modo da far nascere una effi­cace tutela dell’ambiente ed una sua adegua­ta val­oriz­zazione», con­tin­ua Fat­torel­li. «Con l’Università Ambi­ente cer­chi­amo che i parte­ci­pan­ti diventi­no pro­tag­o­nisti respon­s­abili del pro­prio ter­ri­to­rio». Si trat­ta di un impeg­no divul­ga­ti­vo che il Ctg sta perseguen­do anche con tut­ta una serie di pub­bli­cazioni peri­odiche, stu­di, con­veg­ni, mostre (come quel­la itin­er­ante sulle mal­ghe balden­si) e con l’organizzazione di vis­ite didat­tiche e di escur­sioni gui­date sul ter­ri­to­rio. In pro­gram­ma per il 2000–2001, un cor­so sul pae­sag­gio del Bal­do Gar­da e le sue trasfor­mazioni, tenu­to dal geografo Euge­nio Tur­ri a par­tire dal 27 otto­bre a Capri­no, un cor­so di danze popo­lari ed uno per ani­ma­tori tur­is­ti­co cul­tur­ali del Gar­da e dell’entroterra, pre­visti in otto­bre e novem­bre. Sono poi pre­visti cor­si sui castel­li e sulle for­ti­fi­cazioni, sul ter­ri­to­rio del comune di Fer­rara di Mointe Bal­do, sul­la flo­ra dell’entroterra garde­sano. Con­cludono il pro­gram­ma un cor­so di gas­trono­mia tipi­ca, uno per ani­ma­tori cul­tur­ali, nonché delle uscite di osser­vazione astro­nom­i­ca e un cor­so sui dinosauri e le loro tes­ti­mo­ni­anze. Oltre ai cor­si, l’Università Ambi­ente orga­niz­za anche mostre di sen­si­bi­liz­zazione, con­veg­ni ed escur­sioni gui­date domeni­cali aperte alla lib­era parte­ci­pazione, pub­bli­ca volu­mi sul­la conoscen­za del ter­ri­to­rio baldense, tra cui il quader­no cul­tur­ale Il Bal­do giun­to all’undicesimo numero e sta inoltre attuan­do, dopo quel­lo dell’arte popo­lare e delle fontane-lava­toi, il cen­si­men­to delle cal­càre e delle for­naci del Bal­do-Gar­da. Per infor­mazioni ed iscrizioni riv­ol­ger­si al Ctg, tele­fo­nan­do allo 045.626.0228. Mau­r­izio Delibori

Parole chiave: