Torre e castello tornano a splendere Intitolata una strada a don Leardini

Domenica la cerimonia di inaugurazione

08/12/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Claudio Andrizzi

E’ fis­sa­ta per la mat­ti­na­ta di domeni­ca 9 a Pueg­na­go la cer­i­mo­nia inau­gu­rale del­la restau­ra­ta torre civi­ca, del­la nuo­va cam­pana, del castel­lo e del­la nuo­va via inti­to­la­ta a don Lear­di­ni: un even­to volu­to dal­la Giun­ta ret­ta da per richia­mare l’attenzione su alcu­ni fra i più impor­tan­ti val­ori stori­ci del­la comu­nità. Alla base c’è il lavoro di restau­ro com­pi­u­to negli ulti­mi mesi su alcu­ni dei sim­boli del paese: tra questi la Torre Civi­ca, che risale al 1829 e che ha un’altezza di 36 metri. Pro­prio in questi ulti­mi mesi è sta­to por­ta­to a com­pi­men­to un restau­ro che le ha resti­tu­ito l’originario splen­dore, per il quale il Comune ha investi­to 400 mil­ioni. Con­clusa ques­ta oper­azione, la Giun­ta ha provve­du­to alla sos­ti­tuzione del­la quar­ta cam­pana, il cui suono man­ca­va ormai da tem­po a segui­to dell’inagibilità del­la cel­la cam­pa­naria, la parte più dan­neg­gia­ta del­la Torre. A ques­ta spe­sa ha con­tribuito anche la comu­nità pueg­nagh­ese tramite una rac­col­ta fon­di. Domeni­ca sarà inau­gu­ra­ta anche la spi­ana­ta del castel­lo, restau­ra­ta soprat­tut­to nelle mura perime­trali: il sito, che risale al XII sec­o­lo, diven­terà nelle inten­zioni dell’Amministrazione luo­go d’incontro per le man­i­fes­tazioni civiche e fieris­tiche che ogni anno ten­gono ban­co a Pueg­na­go. La cer­i­mo­nia si aprirà con l’intitolazione uffi­ciale di una via del­la frazione Mon­tea­cu­to a don Francesco Lear­di­ni, par­ro­co del paese tra il 1911 e il 1928: costret­to a dimet­ter­si per ragioni politiche, ha las­ci­a­to a Pueg­na­go un ricor­do che vive ancor oggi, gra­zie alle opere real­iz­zate e alle isti­tuzioni avvi­ate, come ad esem­pio la ban­da musi­cale che tra l’altro suon­erà domeni­ca alle 11.30 per fes­teggia­re il 75esimo anno di attiv­ità. Il pro­gram­ma del­la gior­na­ta prevede alle 10 la banedi­zione di via don Lear­di­ni, alle 10.30 la mes­sa nel­la Par­roc­chiale, alle 11.30 la cer­i­mo­nia con visi­ta al castel­lo e alla torre, e alle 13 ci sarà un pran­zo al Fior di Loto (su preno­tazione) con l’accompagnamento musi­cale del tenore Brunetto.

Parole chiave: