Oggi la presentazione

Don CalabriaIn un librovita e santità

04/12/2007 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
B.B.

Tut­ti sono invi­tati alla pre­sen­tazione del nuo­vo libro «San Gio­van­ni Cal­abria», che si tiene oggi alle 20.30, nel­la sala civi­ca di Via del Dona­tore, a Coster­mano. La ser­a­ta è orga­niz­za­ta dal Cir­co­lo cul­tur­ale «Con­veg­no dei dieci», pre­siedu­to da Mau­r­izio Somet­ti, fonda­to nel 1950 da don Atta­lo Zam­pe­ri­oli, che qui fu par­ro­co dal 1950 al 1965.L’occasione del­la pub­bli­cazione è la cel­e­brazione del cen­te­nario dell’Opera di don Gio­van­ni Cal­abria, che in paese abitò per un’estate. Giunse con un grup­pet­to di bim­bi che portò in vacan­za in local­ità Baesse, da dove pote­vano goder­si la vista del e res­pi­rare l’aria del . Pro­prio a Verona dove, tra il 4 e il 6 otto­bre, l’Opera ha orga­niz­za­to il pri­mo sim­po­sio inter­nazionale «Chil­dren in Shad­ow» (che in Inglese sig­nifi­ca «Bam­bi­ni in ombra», ndr), don Cal­abria fondò la sua «Opera».Nel 1907 accolse infat­ti, in una pic­co­la dimo­ra di Via San Zeno in Monte, sette bim­bi poveri e abban­do­nati. Negli anni suc­ces­sivi questo sac­er­dote, san­tifi­ca­to da papa Gio­van­ni Pao­lo II, non mancò mai di ricor­dare che il pri­mo obi­et­ti­vo di ques­ta sua «isti­tuzione» sarebbe dovu­to essere quel­lo di aiutare i minori in dif­fi­coltà. Don Cal­abria aprì case di accoglien­za in tante cit­tà ital­iane, affi­dan­dosi alla Provvi­den­za per il loro mantenimento.Nato nel 1873, morì nel 1954: «La sua opera è pros­e­gui­ta attra­ver­so le due con­gregazioni da lui fon­date: quel­la de «I poveri servi del­la div­ina Provvi­den­za», com­pos­ta di sac­er­doti e fratel­li, e quel­la par­al­lela de “Le povere serve del­la div­ina Provvi­den­za”», ricor­da Mau­r­izio Somet­ti, che ha cura­to la ser­a­ta del 4 dicem­bre, i cui rela­tori saran­no Don Walde­mar Josè Lon­go, cas­ante (cioè supe­ri­ore gen­erale) dell’Opera don Cal­abria di Verona e il pro­fes­sor Giuseppe Per­az­zo­lo del Cen­tro di cul­tura e spir­i­tu­al­ità cal­abri­ana di Roma.A cen­to anni di dis­tan­za dal­la fon­dazione dell’Opera, nel novem­bre 1907, le «case cal­abri­ane» sono in quat­tordi­ci Pae­si del mon­do. Una è a Verona in Via San Zeno in Monte. Queste dimore con­tin­u­ano ad accogliere ragazzi in dif­fi­coltà, azione di piena attual­ità. Lo ha ril­e­va­to lo stes­so sim­po­sio di otto­bre, che ha rac­colto tes­ti­mo­ni­anze di chi ha conosci­u­to le sof­feren­ze del­la gioven­tù attuale: ragazzi da stra­da, lavoro mino­rile, bam­bi­ni solda­to, malati srad­i­cati dal­la loro ter­ra. Info: 045 72000310.

Parole chiave: -