Approvato il nuovo Prg versione «verde»: cassati 70mila mq di cemento

Dopo sei consigli comunali

07/08/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Fuma­ta bian­ca nell’ultimo Con­siglio comu­nale di Moni­ga del Gar­da. Dopo sei sedute, è sta­to approva­to defin­i­ti­va­mente il nuo­vo Piano rego­la­tore gen­erale, ora conosci­u­to come Piano di gov­er­no del ter­ri­to­rio. Il nuo­vo Piano di Coor­di­na­men­to Provin­ciale per­me­t­terebbe al comune un con­sumo di suo­lo di qua­si 290 mila metri qua­drati: «Noi abbi­amo pre­vis­to un con­sumo com­p­lessi­vo di suo­lo di cir­ca 220 mila metri quadri — ha pre­cisato il sin­da­co Mas­si­mo Polli­ni -. Abbi­amo boc­cia­to metà delle osser­vazioni nell’intento di trovare un equi­lib­rio tra le esi­gen­ze edilizie e la tutela del ter­ri­to­rio». Polli­ni nel suo inter­ven­to ha volu­to evi­den­ziare i pun­ti car­dine del nuo­vo atto di pro­gram­mazione urban­is­ti­ca: atten­u­azione dell’espansione res­i­den­ziale con priv­i­le­gio delle esi­gen­ze per res­i­den­za fis­sa e nes­sun inter­ven­to sovrac­co­mu­nale se non per le rotonde pre­viste dall’amministrazione provin­ciale. «Va pure ril­e­va­to — ha con­tin­u­a­to Polli­ni — che il nuo­vo stru­men­to urban­is­ti­co non è altro che la fase con­clu­si­va di un insieme di pro­gram­mi speci­fi­ci quali il Piano di servizi; il Piano del­la zoniz­zazione acus­ti­ca, lo stu­dio geo­logi­co del ter­ri­tori, la rego­la­men­tazione del reti­co­lo minore». Il ter­ri­to­rio comu­nale di Moni­ga ha una super­fi­cie di 4,1 mil­ioni di metri qua­drati, di cui 1,2 mil­ioni (il 30%) risul­tano già urban­iz­za­ti. «Ciò sig­nifi­ca che il 70 per­cento del nos­tro ter­ri­to­rio è cos­ti­tu­ito da aree agri­cole. parchi e gia­r­di­ni — ha chiu­so il pri­mo cit­tadi­no -. Nos­tra inten­zione è quel­la di acquisire una visione com­ple­ta nel­la ges­tione del ter­ri­to­rio e oper­are in un modo prog­et­tuale che non ha prece­den­ti. Siamo con­sapevoli delle dif­fi­coltà, ma anche impeg­nati a dife­sa del ter­ri­to­rio nel­la tutela delle gen­er­azioni pre­sen­ti e future». l prece­dente Prg, ha sot­to­lin­eato l’assessore all’Urbanistica Faus­to Dester, era sta­to approva­to nel 1993 e quin­di era scadu­to. Ringrazi­a­men­ti di rito agli architet­ti e Flavio Met­ti­fo­go, «per avere svolto un egre­gio lavoro nel­la stesura del­la pro­pos­ta del Piano».

Parole chiave: