Terzo incidente in cinque giorni per la troupe. Ma stavolta ci sono due feriti, uno è in condizioni critiche

Dramma sul set di 007In coma uno stuntman

24/04/2008 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

Ter­zo inci­dente in cinque giorni per la troupe del nuo­vo film del­la serie 007 sulle strade dell’Alto Gar­da. Ma sta­vol­ta si trat­ta di qual­cosa di serio: è in Rian­i­mazione, e in con­dizioni critiche, uno dei due stunt­men infor­tu­nati ieri a Limone durante le riprese di una sce­na movimentata.È qual­cosa di molto più serio, dunque, del pur clam­oroso «volo» nel lago del­la Aston Mar­tin di 007 saba­to mat­ti­na, o del lieve inci­dente dell’altroieri sul set.Due i fer­i­ti sta­vol­ta, in realtà: un ital­iano (con­tu­so ma non grave, è sta­to med­ica­to e dimes­so dal vici­no ospedale di Arco), e un gre­co, la cui vita è invece appe­sa a un filo all’ospedale Bor­go Tren­to di Verona.[FIRMA]LA SCENA ERA GIÀ sta­ta gira­ta l’atroieri, e gli stes­si due stunt­men si era­no infor­tu­nati, ma solo lieve­mente. In breve, la sceneg­giatu­ra prevede­va un insegui­men­to tra una Alfa Romeo e la Aston Mar­tin di James Bond, con scon­tro finale (pre­vis­to dal copi­one) tra le due vet­ture e un camion. Ma qualche par­ti­co­lare delle riprese dell’altroieri non con­vince­va e ha indot­to a ripeter­le nuo­va­mente. Così, il grup­po di stunt­men, agli ordi­ni di Gary Pow­ell (lo stes­so di «Casi­no Royale») si è rimes­so al lavoro.NEL POMERIGGIO di ieri la Garde­sana ha ospi­ta­to nuo­va­mente il set per la ripe­tizione di quel­l’episo­dio. Ma ques­ta vol­ta qualche cosa è anda­ta stor­ta e, nel­l’im­pat­to con­tro il camion, dal­la vet­tura inse­gui­trice sono sta­ti estrat­ti fer­i­ti veri. L’in­ci­dente è avvenu­to ver­so le 16, dopo che altre scene era­no state girate lun­go la mat­ti­na­ta e con i mezzi del­l’or­ga­niz­zazione posizionati all’al­tez­za del por­to di Tremosine.Le tele­camere per le riprese era­no invece all’­opera nel trat­to tra Cam­pi­one e Limone, in una local­ità chia­ma­ta in dialet­to «Prà del Asen». Lì la Garde­sana offre alcu­ni dei suoi aspet­ti più bel­li, con l’al­ternar­si di curve e con­trocurve. Ed è pro­prio in quel pun­to che è avvenu­to il grave inci­dente stradale.Laconico il com­men­to di un respon­s­abile del­la troupe cin­e­matografi­ca che, augu­ran­dosi che non vi siano con­seguen­ze gravi, ha com­men­tano «sono inci­den­ti che purtrop­po suc­ce­dono». Parole sim­ili ha avu­to il pro­dut­tore, che si tro­va a Tala­m­one per seguire altre riprese del film.PER CUI, A MENO di svilup­pi dram­mati­ci per la vita del­lo stunt, oggi le mac­chine da pre­sa dovreb­bero essere nuo­va­mente all’­opera per l’ultimo giorno di riprese sul Garda.I lavori per la reg­is­trazione di «007 Quan­tum» (questo sarà il tito­lo ital­iano del film) sul­l’al­to Gar­da sono ormai in dirit­tura d’ar­ri­vo. Oggi, infat­ti, è pro­gram­ma­ta la con­clu­sione delle riprese che, in questi ulti­mi giorni, sono state effet­tuate in alcu­ni trat­ti del­la Garde­sana in ter­ri­to­rio bres­ciano: a Nord di Gargnano, tra Cam­pi­one e Limone (dove è accadu­to l’in­ci­dente di ieri) e a Nord di Limone (dove la troupe si dove­va trasferire già ieri).Grande l’apprensione dei col­leghi stunt­men, che sono fra l’altro tra i più abili e pro­fes­sion­ali del mon­do. La loro squadra, gui­da­ta da Gary Pow­ell, è pluripremi­a­ta con record omolo­gati dal Guin­ness dei pri­mati e per­for­mance vincitri­ci del «World stunt award», prati­ca­mente l’Oscar dei cas­ca­tori. Bravi, ma non sem­pre for­tu­nati, purtroppo.