La chiusura della Gardesana allarma sindaco e consiglio: «Il porto non regge»

Due anni di traghetti? Il caos più totale in città

31/12/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

«Cre­do che a Tren­to non si ren­dano ben con­to del sig­ni­fi­ca­to di una chiusura per due anni del­la Garde­sana, ipo­tiz­zan­do che tut­to il traf­fi­co per Limone e il bres­ciano pos­sa essere assor­bito dal pic­co­lo por­to di Riva». Anche il sin­da­co Cesare Mal­ossi­ni, politi­co di soli­to assai mis­ura­to nelle parole, è assai angos­ci­a­to dal­la prospet­ti­va che l’at­te­sa del tun­nel trasfor­mi Limone in una specie di iso­la. «In estate — aggiunge — dal­la Garde­sana tran­si­tano 300 veicoli all’o­ra. Se ce li tro­vi­amo tra i pie­di è la fine».Dopo la frana di roc­ce dal­la Roc­chet­ta, a Riva — adesso — c’è la frana delle certezze tur­is­tiche. E il sin­da­co, gius­ta­mente, se ne fa por­tav­oce. Il por­to di piaz­za Cate­na è cal­i­bra­to da decen­ni per una forte attiv­ità di passeg­geri, ma per la movi­men­tazione di veicoli, pull­man e camion, non è asso­lu­ta­mente ipo­tiz­z­abile un adat­ta­men­to: se la Garde­sana non sarà in qualche modo rappez­za­ta, da Pasqua a fine otto­bre sarà il caos. Con riper­cus­sioni non solo eco­nomiche, ma anche sul­la vivi­bil­ità del­l’in­tero alto Gar­da. Ecco dunque per­chè Mal­ossi­ni salu­ta con favore la rapidis­si­ma deci­sione di alcu­ni con­siglieri di con­vo­care già per la prossi­ma set­ti­mana un «con­siglio stra­or­di­nario» sul prob­le­ma del­la Occi­den­tale chiusa. Scav­al­ca­ta dal­la deci­sione lam­po del­la Provin­cia (Casagran­da ha annun­ci­a­to la costruzione del tun­nel e la chiusura del­la stra­da ancor pri­ma di con­frontar­si con gli ammin­is­tra­tori garde­sani), la munic­i­pal­ità rivana cercherà di ripren­dere in mano il palli­no del gio­co. Il tun­nel da 75 mil­iar­di piace a tut­ti, è chiaro. Quel­lo che non si digerisce è la sto­ria dei traghet­ti come uni­ca soluzione-tam­pone. Pos­si­bile che un pez­zo di stra­da, mag­a­ri a sen­so uni­co, non pos­sa sopravvivere?