Il Duomo, cinquecento anni nel cuore dell’arte lombarda. Monsignor Piazzi e Monica Ibsen guardano al Rinascimento

Due conferenze nell’ambito delle celebrazioni

09/10/2002 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Salò

Ven­erdì 11 e saba­to 12 otto­bre, ore 18, nel­la sala con­sil­iare del munici­pio di Salò, si ter­ran­no due con­feren­ze, nel­l’am­bito delle cel­e­brazioni per il Cinque­cen­te­nario del Duo­mo, con­sacra­to il 17 e 18 otto­bre 1502. L’Ate­neo, col suo pres­i­dente Pino Mongiel­lo, tra l’al­tro anche numero 1 del­la Comu­nità del Gar­da, ha pro­mosso due con­feren­ze sul­la sto­ria di Salò e del suo mon­u­men­to sim­bo­lo. Par­ler­an­no Alber­to Piazzi e Mon­i­ca Ibsen. Nel­la cir­costan­za ver­rà ricorda­to il ruo­lo nodale del­la cit­tad­i­na riv­ieras­ca nel­la sto­ria e nel­l’arte del­l’in­tero baci­no. Mon­sign­or Piazzi, prefet­to del­la Bib­liote­ca Capi­to­lare di Verona, già arciprete di Lona­to per oltre ven­t’an­ni, mem­bro del­la Con­sul­ta del Trivene­to per i Beni cul­tur­ali inter­ver­rà ven­erdì 11, sof­fer­man­dosi sul­la costruzione del­la chiesa (la pri­ma pietra fu posa­ta nel 1453), diven­ta­ta il più maestoso edi­fi­cio di cul­to del lago. In ques­ta affasci­nante quan­to com­p­lessa riv­is­i­tazione sarà ris­er­va­ta un’at­ten­zione par­ti­co­lare alle relazioni con Verona e Tren­to, qua­si a ritrovare le radi­ci di quel rap­por­to vitale fra le tre dio­ce­si, man­i­fes­tatasi negli incon­tri di San Vig­ilio (2001) e Salò (lo scor­so 7 set­tem­bre). Al cen­tro del dibat­ti­to di saba­to: il Rinasci­men­to, con le opere e gli artisti che resero il Duo­mo uno dei più pres­ti­giosi mon­u­men­ti lom­bar­di. Mon­i­ca Ibsen, autrice del più recente stu­dio sul­l’ed­i­fi­cio, illus­tr­erà alcu­ni dei cap­ola­vori con­ser­vati all’in­ter­no, e i rap­por­ti dei com­mit­ten­ti locali con i gran­di cen­tri del­l’arte: Verona, Venezia, Milano, Bres­cia. Gra­zie all’­opera di intaglia­tori, pit­tori o scul­tori come Gio­van­ni Teu­ton­i­co, Bus­so­lo, Fop­pa, Man­teg­na, Salò parte­cipò a pieno tito­lo allo stra­or­di­nario momen­to artis­ti­co del­l’I­talia set­ten­tri­onale intorno al 1500. Lau­re­a­ta con lode in Let­tere e Filosofia alla Sapien­za di Roma, la Ibsen col­lab­o­ra con l’Asar (L’As­so­ci­azione arche­o­log­i­ca del­la Riv­iera) e sta real­iz­zan­do un vol­ume sulle pit­ture votive di Gar­done Riv­iera. Domeni­ca 13 otto­bre gli appun­ta­men­ti pros­eguiran­no col con­cer­to in Duo­mo del­l’or­gan­ista Ger­ar­do Chi­mi­ni.

Parole chiave: -