E gli esercenti prenotano il «bis» per il tradizionale cenone di fine anno. Da Sirmione a Desenzano grande successo nei ristoranti più rinomati

Due giorni da «tutto esaurito»

27/12/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.t.

Tradizione natal­izia rispet­ta­ta sul bas­so Gar­da. Cenone e pranzi di sono sta­ti con­sumati soprat­tut­to in casa tra par­en­ti ed ami­ci, ma i ris­toran­ti aper­ti han­no reg­is­tra­to il tut­to esauri­to sia alla vig­ilia sia il giorno di Natale. Nei super­me­r­cati e cen­tri com­mer­ciali in calo le ven­dite di ostriche, salmone e caviale, bene invece le con­fezioni natal­izie con generi ali­men­ta­ri del­la tradizione ital­iana: salu­mi, , olio, dol­ci­u­mi e panet­toni. I cir­ca cinquan­ta alberghi tra Desen­zano e Sirmione han­no accolto parec­chi tur­isti. Pre­si d’assalto i pre­sepi dei Rogazion­isti e quel­lo sull’acqua al por­to Vec­chio di Desen­zano, la pista di pat­ti­nag­gio a Colom­bare e il cen­tro di benessere «Aquar­ia» nel cen­tro stori­co di Sirmione. Sod­dis­fazione tra gli oper­a­tori tur­is­ti­ci. Com­in­ci­amo da quel­li di Desen­zano. Sig­nori­ni, del ris­torante «Esplanade»: «Abbi­amo pro­pos­to un menù tradizionale in cui spic­ca­va il cap­pone al forno farci­to: tut­to esauri­to». Sod­dis­fat­to anche Enzo Vez­zoli del «Car­ret­to»: «Non ci lamen­ti­amo, abbi­amo avu­to tut­to pieno il 24 ed il giorno di Natale, con un pran­zo tipi­co natal­izio che è sta­to apprez­za­to». A chi­ud­ere, Gigi Tremoli­ni, ris­torante-caf­fè «Italia»: «Per for­tu­na abbi­amo avu­to il tut­to esauri­to, ma la sta­gione nel suo com­p­lesso è anda­ta male, i dis­a­gi mag­giori sono la caren­za di parcheg­gi e il divi­eto di acces­so alle auto sul lun­go­la­go». Medes­i­ma sod­dis­fazione tra gli alber­ga­tori e tra i ris­tora­tori di Sirmione. Jonatan Big­not­ti, ris­torante «Ruco­la»: «Il nos­tro menù alla car­ta è sta­to più gra­di­to dal­la clien­tela, comunque siamo con­tenti delle tre gior­nate fes­tive con il tut­to esauri­to». Gremi­to anche il teatro Alber­ti per i suoi spet­ta­coli, così come molto parte­ci­pa­to il rito del­la mes­sa di mez­zan­otte. Si è com­in­ci­a­to a Sirmione alle 22 con S. Francesco di Colom­bare, cui han­no fat­to segui­to le cel­e­brazioni a S. Maria di Lugana e S. Maria del­la Neve. Gremi­ti anche il Duo­mo di S. Maria Mad­dale­na di Desen­zano e di S. Angela Meri­ci alle Grezze. Gli oper­a­tori tur­is­ti­ci ora si atten­dono un bis più con­vin­cente a San Silvestro.

Parole chiave: