Le ha approvate per 840 milioni la Comunità montana Ambientalisti all’attacco: «Rispunta la transbaldense»

Due nuove strade per collegare le malghe

23/03/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

La Giun­ta del­la Comu­nità Mon­tana del ha approva­to due prog­et­ti rel­a­tivi ai lavori di sis­temazione del­la stra­da sil­vo-pas­torale «Colonei-Due Pozze» nei Comu­ni di Capri­no e San Zeno di Mon­tagna ed alla real­iz­zazione del­la stra­da sil­vo-pas­torale «Baito Scale-Val­vac­cara» a nord di Pra­da, in Comune di Bren­zone. La pri­ma è una stra­da che insis­terà sul trac­cia­to già esistente di una rete acque­dot­tis­ti­ca a servizio delle mal­ghe, lun­ga 3.820 metri, che si sno­da dai 1.367 metri di mal­ga Colonei di Capri­no sul ver­sante ori­en­tale baldense (dove ter­mi­na la stra­da Ime-Val­fred­da-Poz­za), a mal­ga Colonei di Pesina, a mal­ga Zoc­chi e a local­ità Due Pozze a 1.264 metri sul ver­sante occi­den­tale, per finire ad est di mal­ga Pralun­go; il tut­to con una pen­den­za mas­si­ma del 10–15 per cen­to, in alcu­ni pun­ti anche supe­ri­ore, e per un impor­to pre­vis­to di spe­sa di 520 mil­ioni. La sec­on­da stra­da inizia da Baito Scale a 1.157 metri — con innesto sul­la stra­da che col­le­ga Pra­da con Val Trovai — e sale per una lunghez­za di 2.461 metri a mal­ga Pra del Bec­co e a mal­ga Val­vac­cara a 1.527 metri, con una larghez­za di tre metri ed una pen­den­za mas­si­ma del 20 per cen­to; e ver­rà real­iz­za­ta con una spe­sa pre­vista di 320 milioni.

Parole chiave: