La poca pioggia caduta la scorsa notte non ha migliorato la situazione degli invasi naturali, Migliorerà con le perturbazioni previste per il 9 agosto

È allarme siccitàper Garda e Sebino

04/08/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Pietro Gorlani

di La piog­gia cadu­ta ieri notte su buona parte del­la provin­cia non ha fat­to altro che bagnare la pol­vere. Poco più di 11 mil­limetri a Orz­in­uovi, addirit­tura 2 ad Offla­ga. Pochi mil­limetri anche sulle val­li e sui laghi bres­ciani. E il liv­el­li di Gar­da e Bena­co calano repenti­na­mente. Rag­giunger­an­no i loro min­i­mi stori­ci intorno a giovedì 9 agos­to. For­tu­nata­mente pro­prio quan­do le pre­vi­sioni meteo per il Nord e la nos­tra provin­cia annun­ciano pioggia.GARDA. E’ ai suoi min­i­mi stori­ci. Mai sta­to così bas­so ad inizio agos­to nem­meno nel 2003 (ieri il liv­el­lo idro­met­ri­co era di 13 cen­timetri sopra lo zero) ma dovrebbe rag­giun­gere il record neg­a­ti­vo intorno al 10 agos­to (pre­vis­to che toc­chi 6cm sul­lo zero idro­met­ri­co, men­tre nel 2003 — a metà set­tem­bre — toc­cò gli 8 cm). Per arginare la crisi ieri all’Aipo di Man­to­va si è riu­ni­to il «tavo­lo tec­ni­co emer­gen­za idri­ca 2007» che ha vis­to il con­fron­to tra e gli uti­liz­za­tori irrigui del con­sorzio del Min­cio. «Abbi­amo deciso che da domani (oggi per chi legge, ndr) l’uscita di acqua nel Min­cio viene ridot­ta dagli attuali 58 metri cubi/secondo a 50 mc — spie­ga , seg­re­tario gen­erale del­la comu­nità del Gar­da- . Quan­do il lago rag­giungerà i 6 cm sopra lo zero, pre­sum­i­bil­mente intorno al 9 agos­to, allo­ra le por­tate ver­ran­no dras­ti­ca­mente ridotte a 12mc/secondo».Ceresa pre­cisa che nonos­tante i bassi liv­el­li non è a ris­chio la sul lago nè la bal­ne­abil­ità delle spiagge.ISEO. Se il Gar­da cala di un cen­ti­men­tro e mez­zo al giorno, il Sebi­no arri­va a perdere oltre 4 cm. Per questo il diret­tore del con­sorzio dell’Oglio, Mas­si­mo Buiz­za, ha deciso la chiusura dei rubi­net­ti all’ Oglio (ieri da 57 mc/sec a 48 mc). «Riduzioni che subi­ran­no un’altra dras­ti­ca dimin­uzione a par­tire da mer­coledì — spie­ga Buiz­za -: si scen­derà a 36 mc/sec; si ricor­di che gli uti­liz­za­tori irrigui potreb­bero richiederne fino a 80mc».Di questo pas­so il lago toc­cherà i — 30 cm il 13 agos­to. Un calo in pic­chi­a­ta, che la dice lun­ga sul­la «sete» idri­ca del­la provin­cia. Basti ricor­dare che a metà giug­no il lago mis­ura­va un metro e 15 cm in più di ieri. La piog­gia pre­vista per il 10 agos­to dovrebbe «sal­vare» anche il lago d’Iseo. In caso con­trario sarà la cab­i­na di regia nelle mani del­la a decidere even­tu­ali sver­sa­men­ti dai baci­ni idri­ci dell’Enel.IDRO. Si chi­ud­er­an­no ulte­ri­or­mente i rubi­net­ti anche al Chiese, così come deciso dal com­mis­sario Ettore Fan­fani. Il lago d’Idro gra­zie ai nuovi liv­el­li di rego­lazione «gode» di quan­ti­ta­tivi d’acqua mai visti (368 metri sul liv­el­lo del mare) ma per man­ten­er­li è nec­es­sario ridurre l’uscita di acqua: sa 28mc/secondo si è sce­si a 22 mc. Intorno al 10 agos­to si potrà arrivare a 15 mc/sec.