Estate Musicale del Garda “Gasparo da Salò” 2013

14/06/2013 in Concerti
Di Luigi Del Pozzo

55° Festival Violinistico Internazionale

Tor­nano le gran­di star del­l’ar­che­t­to all’Es­tate Musi­cale del Gar­da, quelle che han­no fat­to la glo­ria del­la rasseg­na salo­di­ana: Uto Ughi, in tes­ta a tut­ti. E arrivano, per la pri­ma vol­ta, per­son­ag­gi come Richard Gal­liano ugual­mente star ma, di altro stru­men­to rispet­to al vio­li­no, infat­ti Gal­liano è un fis­ar­monicista francese di musi­ca jazz di orig­i­ni ital­iane.

Per inter­cettare le istanze del pub­bli­co gio­vane arrivano i 2Cellos (il croa­to Stjepan Hauser e lo sloveno Luka Sulic), i for­mi­da­bili vio­lon­cel­listi lan­ciati da Elton John che suo­nano con il nobile stru­men­to ad arco i clas­si­ci del pop e del rock, da Michael Jack­son agli U2, che con il con­cer­to inau­gu­ra­no la loro tournée ital­iana.

Sono questi i car­di­ni del Fes­ti­val Vio­lin­is­ti­co Inter­nazionale “Gas­paro da Salò” 2013, giun­to alla 55esima edi­zione, un tra­guar­do che annovera la ker­messe musi­cale garde­sana tra le più longeve a liv­el­lo nazionale. Altra impor­tante novità: quest’an­no c’è un’orches­tra “in res­i­dence”, la Cam­er­a­ta Ducale, com­pagine spe­cial­iz­za­ta nel­la musi­ca per archi (for­nisce rego­lar­mente il sup­por­to al Con­cor­so Vio­lin­is­ti­co Inter­nazionale “G. B. Viot­ti” di Ver­cel­li), una “spal­la” ide­ale per i gran­di solisti atte­si sul­la rib­al­ta del Fes­ti­val.

Salò Golfo

pho­to LDP

Saba­to 13 Luglio Uto Ughi, vir­tu­oso vio­lin­ista che il mon­do ci invidia, aprirà l’Estate Musi­cale nel­la splen­di­da cor­nice di Piaz­za Duo­mo. Il suo prezioso Guarneri del Gesù del 1744 emoziona gen­er­azioni di appas­sion­ati. Al suo fian­co la Cam­er­a­ta Ducale, orches­tra con­ge­niale per esaltare le qual­ità di un solista di sim­i­le bravu­ra. Il cele­bre mae­stro è un beni­amino del Fes­ti­val di Salò, dove ha tenu­to mem­o­ra­bili con­cer­ti e dove il pub­bli­co lo attende con devozione. Il 14 luglio il grande vio­lin­ista ital­iano pre­sen­terà a Salò, il libro auto­bi­ografi­co “Quel diavo­lo di un tril­lo”, edi­to da Ein­au­di.

La stes­sa com­pagine tornerà il 20 Luglio per tenere un con­cer­to con un altro pez­zo impor­tante del panora­ma vio­lin­is­ti­co ital­iano, Gui­do Rimon­da, dota­to di uno splen­di­do Stradi­vari, alle prese con un pro­gram­ma vir­tu­o­sis­ti­co da Mozart a Pagani­ni. Il 27 Luglio sarà la vol­ta dei 2Cellos, beni­ami­ni del “popo­lo di YouToube” (la loro ver­sione di Smooth Crim­i­nal di Michael Jack­son ha bat­tuto ogni record in fat­to di con­tat­ti) e del loro spet­ta­co­lare pro­gram­ma a cav­al­lo tra i generi.

Viola

pho­to LDP

Il 3 Agos­to gran finale con un mito del­la musi­ca, Richard Gal­liano: per­son­al­ità tra le più gran­di e com­plete del­la musi­ca del nos­tro tem­po. Con lui la Cam­er­a­ta Ducale e lo stes­so Rimon­da vio­li­no solista, a tes­ti­mo­ni­are fino alla fine la pre­sen­za del­lo stru­men­to sim­bo­lo del Fes­ti­val e di Salò.

In cartel­lone non mancherà l’orches­tra a fiati cit­tad­i­na, inti­to­la­ta a Gas­paro da Salò, con un pro­gram­ma orig­i­nale, tut­to a stelle e strisce, che sposa fiati e archi con brani di autori quali Gersh­win, Bern­stein e la pri­ma ital­iana del Con­cer­to per fiati e vio­la di Mor­ton Gould.

 

Infine, quest’anno l’Estate Musi­cale del Gar­da ded­i­ca uno spazio ad un inter­es­sante ciclo di con­feren­ze tra cui una, curiosa e gus­tosa nel sen­so vero del ter­mine: “Lib­i­amo ne’ lieti cali­ci, l’al­fa­beto del­la cuci­na ver­diana”, con­dot­ta da Rober­to Codazzi (da anni diret­tore artis­ti­co del Fes­ti­val) ded­i­ca­ta alle pref­eren­ze enogas­tro­nomiche del com­pos­i­tore più ama­to dagli ital­iani e di cui ricorre il bicen­te­nario del­la nasci­ta. L’incontro si ter­rà ven­erdì 19 Luglio alle ore 21.30 pres­so il Palaz­zo Munic­i­pale, Log­gia del­la Mag­nifi­ca Patria e sarà sug­gel­la­to dal­la preparazione del famoso risot­to “alla Ver­di” da parte di , exec­u­tive chef e patron del­l’An­ti­ca Casci­na San Zago di Salò. Negli altri incon­tri si ricorderà il 150° del­la nasci­ta di D’An­nun­zio attra­ver­so un’anal­isi del rap­por­to (stret­tis­si­mo) tra il Vate e la musi­ca, men­tre in altre due ser­ate si cele­br­eran­no (con parole e musi­ca) i 140 anni del Teatro Comu­nale di Salò e si rac­con­terà del vio­li­no nel­la musi­ca popo­lare, con par­ti­co­lare riguar­do alla tradizione del­la Valle del Caf­faro.