Apre i battenti sabato e si riconferma appuntamento clou

Expo Riva Schuh sempre più leader

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Riva del Garda

Sarà il vice min­istro alle Attiv­ità pro­dut­tive con del­e­ga al Com­mer­cio con l’ Estero, Adol­fo Urso, ad aprire saba­to mat­ti­na, al Palafiere del­la Bal­ter­am, la 57ª edi­zione di Riva Schuh, la più impor­tante rasseg­na euro­pea del­la calzatu­ra dei gran­di numeri. Nata a Riva del Gar­da negli anni’70 da un’inizia­ti­va di alcu­ni rap­p­re­sen­tan­ti tedeschi di calza­tu­rifi­ci ital­iani capeg­giati da Friedrich Karl Eich­holz, Expo Riva Schuh oggi cos­ti­tu­isce il pun­to di rifer­i­men­to insos­ti­tu­ibile per il mer­ca­to europeo dei mod­el­li del­la calzatu­ra eco­nom­i­ca, il cosid­det­to “vol­ume”, e per i rias­sor­ti­men­ti di metà stagione.La fiera rivana detiene un record asso­lu­to: oggi, nes­sun’al­tra man­i­fes­tazione del­la calzatu­ra può vantare al mon­do tan­ti espos­i­tori e vis­i­ta­tori in questo speci­fi­co set­tore. Respin­to l’as­salto del­l’ente fiere di Bologna, insom­ma, che negli anni scor­si ha ten­ta­to sen­za suc­ces­so di con­vin­cere gli espos­i­tori a “tres­ferir­si” sot­to la torre degli Asinel­li, Expo Riva Schuh ha ulte­ri­or­mente con­sol­ida­to il suo pres­ti­gio inter­nazionale. Sono ben 1300 i calza­tu­rifi­ci — di cui oltre 400 ital­iani, cir­ca un centi­naio di tedeschi e spag­no­li, una cinquan­ti­na di france­si e di olan­desi — che nei prossi­mi giorni a Riva del Gar­da la pro­pria pro­duzione per la prossi­ma estate. Numerose e impor­tan­ti anche le pre­sen­ze di pro­dut­tori di pae­si come India, Tai­wan, Thai­lan­dia, Bel­gio, Gran Bre­tagna, Svizzera, Usa, Honk Hong, Pae­si dell’ Est e persi­no del prin­ci­pa­to di Mona­co. Per il 47 per cen­to si trat­ta di impren­di­tori ital­iani e del 53 per cen­to di stranieri. La fiera occu­pa una super­fi­cie di 50.000 metri qua­drati — dei quali 30.000 ven­du­ti — e, per quan­to riguar­da l’ indot­to per la zona dell’ Alto Gar­da, quel­lo di Expo Riva Schuh è val­u­ta­to in cir­ca 90 mil­iar­di, pari a cir­ca ad un mese di attiv­ità tur­is­ti­ca del­la zona. «Per l’ Italia — sot­to­lin­ea con orgoglio il pres­i­dente di Palafiere Zon­ti­ni — si trat­ta quin­di di un pri­ma­to di mer­ca­to e fieristico».Il suces­so di Expo Riva Schuh, come ha spie­ga­to lo scor­so han­no Eich­holz, va cer­ca­to nell for­mu­la “relax più businnes”. Una for­mu­la imbat­tibile che ha garan­ti­to a Riva il ritorno del­la fiera almeno fino al 2009.

Parole chiave: