Unico veneto

Extraverginecol blasone:è tra i priminel mondo

18/09/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
G.M.

L’extravergine di oli­va dell’azienda agri­co­la Ca’ Rainene di Tor­ri è tra i due­cen­to oli migliori del mon­do. A garan­tir­lo è il numero spe­ciale di «Der Fein­schmeck­er», un men­sile ded­i­ca­to a «gas­trono­mia come stile di vita», 110mila copie al mese, e che ha prodot­to un’edizione spe­ciale, ded­i­ca­ta ai cibi e prodot­ti migliori. Come ha ricorda­to l’editore di «Wine & Cook­ing», Ker­sten Wetenkamp, «sono sta­ti tes­ta­ti mille extravergi­ni di oli­va prove­ni­en­ti da tut­ti i con­ti­nen­ti: dall’area del Mediter­ra­neo al Sud Africa, alla Cal­i­for­nia, al Cile fino all’Australia».E l’olio di Tor­ri ha trova­to un pos­to al sole sul­la riv­ista, con tan­to di foto delle bot­tiglie; ed è l’unico del Vene­to, anche se non l’unico del Gar­da; la riv­ista ha cita­to anche aziende del­la spon­da bres­ciana e trenti­na. Un riconosci­men­to che si aggiunge ai molti altri. Anche a Horst Kohler, il capo di Sta­to del­la Ger­ma­nia venu­to in visi­ta pri­va­ta a Tor­ri infat­ti, era sta­ta dona­ta dal sin­da­co una con­fezione di leg­no di uli­vo con­te­nente una bot­tiglia di extravergine di Ca’ Rainene.Una sod­dis­fazione per l’azienda di Pao­lo Bonomel­li, olivi­coltore qua­si «per caso» da poco meno di un decen­nio, ma già pluripremi­a­to. «Sono con­tento», dice, «per­chè questo riconosci­men­to non è sta­to nè cer­ca­to nè volu­to. Ho soltan­to rice­vu­to la let­tera, dell’editore, con cui mi si comu­ni­ca­va che l’extravergine di Ca’ Rainene sarebbe sta­to ogget­to di un arti­co­lo sui 200 migliori olii del mondo».