Fanel

Di Redazione
Alberto Rigoni - Rigù
Söl gris de ‘n dé
de na giur­na­da gnè­ca,
i è fina­mai strimìcc chèi ram
de le piantèle sö la ria;
par ch’i se ram­pèghe
‘n vers en ciel, zà smorsàt assé,
de n’inverèn ‘n d’i sò lig­am.

E ac en ven­tesèl dis­petùs
le scuas­sa i ram,
fin a fa scapà ‘n fanèl
riàt en sà a pol­sà de sfrüs:
“Dumà ‘n del brochelam
turne endré: a becà.”
el dis e ‘l vula vià.

Ancö i ram, ch’i parìa batèch,
i sè emp­inìcc de fiurilì bianch
e ’l gris del ciel adess,
col ven­sèl en pó vilanch
dré a le rie de le piane,
el lasa pasà el gamisèl
de na pri­maèra che lìa sö.

Sota le rame de le rie
bianche del bianch
sfar­falàt de töcc i fiurilì;
chel fanèl curiùs
‘n del sò becà gulùs
el léa con­tent el vul
e ‘l va, de sul, vers el celest
a scal­das, ‘n del prim sul.

Sul gri­gio di una giorno
di una gior­na­ta scon­tenta,
sono perfi­no spaven­tati quei rami
delle piantelle sul­la riva;
sem­bra che si arrampichi­no
ver­so un cielo già abbas­tan­za spen­to
da un inver­no nei suoi lega­mi.

Ed anche un ven­ti­cel­lo dis­pet­toso,
scuote i rami,
fino a far scap­pare un fanel­lo
arriva­to qui a riposare di fro­do:
“Domani nel­lo ster­pame
torno indi­etro: a bec­ca­re”
dice e vola via.

Oggi i rami che sem­bra­vano bat­tec­che
si sono riem­pi­ti di fiorelli­ni bianchi
e il gri­gio del cielo adesso,
col ven­ti­cel­lo un pò vil­lano
lun­go gli argi­ni delle piane
las­cia pas­sare il gomi­to­lo
di una pri­mav­era che si alza.

Sot­to i rami delle rive
bianche del bian­co
sfar­fal­la­to di tut­ti i fiorelli­ni,
quale fanel­lo curioso
nel suo bec­ca­re goloso
alza con­tento il volo
e va, da solo, ver­so il celeste
a scal­dar­si, nel pri­mo sole.

(Pre­mio Vit­to­ria Ala­ta 23 aprile 2009)

Pri­ma pub­bli­cazione il: 19 August 2020 @ 12:01