Inaugurate passerella a lago e sala civica

Fasano, rilancioin due «mosse»

10/12/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

A Fasano, frazione di Gar­done Riv­iera, è sta­ta inau­gu­ra­ta la passeg­gia­ta a lago, com­ple­ta­ta da poco. Lun­ga 220 metri e larga due, è in leg­no e pog­gia su pali infis­si nel fondale.È sta­ta finanzi­a­ta per 600 mila euro con la legge Obi­et­ti­vo Due: 240 mila a fon­do per­du­to, il resto da resti­tuire in 20 anni sen­za interessi.Si è inoltre provve­du­to a riqual­i­fi­care l’area del por­tic­ci­o­lo, con la pavi­men­tazione in cubet­ti di por­fi­do, ciot­toli, las­tre di pietra rossa e Bot­ti­ci­no, la sis­temazione del­l’at­trac­co del­la , la sos­ti­tuzione delle tubazioni del­l’ac­que­dot­to, l’interramento dei cavi (ener­gia elet­tri­ca, tele­foni), illu­mi­nazione e arredo. L’inaugurazione è sta­ta gui­da­ta dal sin­da­co Alessan­dro Baz­zani e dal par­ro­co don Car­lo Moro, che ha dato la benedizione.GLI ABITANTI PRESENTI han­no espres­so il deside­rio che, in futuro, la passeg­gia­ta ven­ga allun­ga­ta sia ver­so il capolu­o­go (almeno fino al Lido) sia in direzione-Mader­no. La gente vuole reim­pos­ses­sar­si del lago, in molti trat­ti chiu­so da una fit­ta bar­ri­era di edifici.Inaugurata pure la nuo­va sala civi­ca per le riu­nioni del­la gente, l’ambulatorio medico e l’ufficio postale, che dovrebbe trasferir­si qui nei prossi­mi mesi. Il tut­to rica­va­to al piano ter­ra dell’ex alber­go Cen­trale, nell’ambito del­la trasfor­mazione in residence.LA VICENDA dell’hotel Cen­trale, rimas­to chiu­so a lun­go, si è sbloc­ca­ta quan­do gli ammin­is­tra­tori comu­nali han­no dato l’ok ai pri­vati, la «Wel­come Gar­da» di Mas­si­mo Crovi, per mod­i­fi­care la des­ti­nazione. Sono sta­ti autor­iz­za­ti l’innalzamento di un piano e la costruzione di un’autorimessa inter­ra­ta, rag­giun­gi­bile attra­ver­so il tun­nel sot­to via Cipani. Oltre al cam­bio di des­ti­nazione dell’immobile, il munici­pio ha cedu­to due ter­reni (a S. Michele e nel­la parte alta di Fasano, con pos­si­bil­ità edi­fi­ca­to­rie totali di 2.710 mc.), autor­iz­za­to un’ulteriore vol­ume­tria di 450 mc. nelle vic­i­nanze e paga­to 248 mila euro, riceven­do l’intero piano ter­ra (val­u­ta­to 810 mila euro) e il ter­reno di 1.252 metri quadri, diven­ta­to parcheg­gio pub­bli­co e giardino.«Tutte opere forte­mente volute dal­la nos­tra Asso­ci­azione — ripete Domeni­can­ge­lo Freri, pres­i­dente del­la Rata, che a Fasano orga­niz­za incon­tri e attiv­ità di vario genere -. Dob­bi­amo essere orgogliosi per queste real­iz­zazioni, attuate dall’amministrazione comu­nale. Han­no por­ta­to alla cen­tral­iz­zazione dei servizi e, in par­ti­co­lare, scon­giu­ra­to la chiusura defin­i­ti­va del­la pos­ta, che nel­la prossi­ma pri­mav­era dovrebbe trasferir­si dal­la sede occu­pa­ta in questi anni. Sen­za dimen­ti­care il gia­rdi­no vista lago, con annes­so parcheg­gio, area giochi e la riqual­i­fi­cazione del cen­tro del paese».

Parole chiave: