Da Padenghe a Desenzano e fino a Toscolano. Sul lago lo spettacolo inizia al pomeriggio. «Beach party»: dove e come divertirsi imitando le notti di Ibiza

Feste in spiaggia, è una vera moda

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sara Mauroner

Nuo­va tap­pa del tour delle beach par­ty sul Gar­da, ecco la moda dell’estate 2004 con musi­ca, pareo e infra­di­to. Dopo la fes­ta di aper­tu­ra a Mal­ce­sine che è arriva­ta a coin­vol­gere 7 mila per­sone, saba­to scor­so centi­na­ia di gio­vani si sono river­sa­ti sul­la spag­gia degli Ulivi di Toscolano Mader­no. Ma l’even­to clou del­la sta­gione esti­va sarà ven­erdì 13 agos­to in local­ità Desen­zani­no. Una moda, quel­la dei beach par­ty, che da qualche anno a ques­ta parte sta riscuo­ten­do un enorme suc­ces­so sulle spi­agge del Gar­da. Da Riva a Desen­zano, pas­san­do per Toscolano Mader­no, Salò e Moni­ga, le feste in cos­tume ven­gono sem­pre più richi­este dai tur­isti sia ital­iani che stranieri. Seguen­do il mod­el­lo delle feste in spi­ag­gia di Ibiza e di Mykonos, i beach par­ty si inseriscono nel panora­ma lacus­tre riscuo­ten­do grande popo­lar­ità. La «spi­ag­gia musi­cale» inizia ad assumere una pro­pria iden­tità: la sin­er­gia di sole e musi­ca per­me­tte di for­mare una vera e pro­pria tribù. Ed è pro­prio ques­ta tribù a dettare le regole. La gente deve sen­tir­si lib­era di seguire i pro­pri istin­ti, las­cian­dosi trasportare dal rit­mo cres­cente. Non ci sono orari. La fes­ta finisce quan­do l’ul­ti­ma per­sona ha fini­to di bal­lare. Una espe­rien­za ormai con­sol­i­da­ta, come sot­to­lin­ea Miky Garzil­li, disc jock­ey del­la dis­cote­ca «Dehor» che lo scor­so anno ha riscos­so un grande suc­ces­so attra­ver­so la ges­tione del , locale sul­la spi­ag­gia del Lido di Lona­to che è arriva­to ad ospitare qua­si 2 mila per­sone nei pomerig­gi del­la sta­gione pas­sa­ta. «È molto sti­molante vedere bal­lare le gente sot­to il sole esti­vo e quel­lo del Coco Beach è sta­to il pri­mo esper­i­men­to di beach par­ty inte­so nel sen­so amer­i­cano — sot­to­lin­ea Garzil­li -. Per quest’an­no l’ap­pun­ta­men­to è ogni domeni­ca al Mia­mi Beach, local­ità ex Rim­balzel­lo di Salò, dove si inizia a suonare nel pri­mo pomerig­gio e si pros­egue per l’in­tera gior­na­ta». Con­cor­ren­za alle dis­coteche? No di cer­to, dal momen­to che queste feste iniziano con l’aper­i­ti­vo nel pri­mo pomerig­gio. È impor­tante però fare una dis­tinzione: accan­to ai beach par­ty esistono le feste in spi­ag­gia orga­niz­zate dalle dis­coteche stesse. La bel­la sta­gione impone infat­ti il deside­rio di stare all’aper­to ad ammi­rare il cielo stel­la­to, evi­tan­do i locali chiusi in cui si trascor­rono le ser­ate inver­nali. Da qualche anno a ques­ta parte, numerose sono le dis­coteche che nel peri­o­do esti­vo si trasferiscono sui litorali lacus­tri. È questo il caso del Lido di Padenghe che ospi­ta i dee-jay del­la dis­cote­ca Fura di Desen­zano. Anche la stazione radio Viva Fm orga­niz­za spes­so beach par­ty sulle spi­agge gardesane.

Parole chiave: