Oggi la riccorrenza della santa, dal 1962 patrona della città

Festeggiamenti per la parona Sant’Angela Merici

Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Fede e cul­tura per fes­teggia­re San’An­gela Meri­ci, patrona di Desen­zano. Un cal­en­dario di appun­ta­men­ti, inizia­to ieri e, cura­to dal­la par­roc­chia del Duo­mo insieme all’asses­so­ra­to alla Pub­bli­ca istruzione del Comune.Il pri­mo ieri sera, nel teatro Pao­lo VI, con: Rena­ta Lol­lo, docente di let­ter­atu­ra per l’in­fanzia, pre­sen­terà — in col­lab­o­razione con il cen­tro di cul­tura Ste­fano Bazoli — “Let­tera ai figli”. Oggi, giorno del­l’­ef­fet­ti­va ricor­ren­za del­la san­ta, dal 1962 patrona del­la cit­tà e fon­da­trice del­la Com­pag­nia di San­t’Or­so­la nel 1535. San­t’An­gela morì il 27 gen­naio 1540 a Bres­cia, ed è sta­ta can­on­iz­za­ta il 24 mag­gio del 1807.Sempre oggi, alle 15.30 e sem­pre nel teatro Pao­lo VI, è pre­vista la rap­p­re­sen­tazione di “Www.prof.it”: uno spet­ta­co­lo del grup­po “Alcu­ni” del Teatro ragazzi di Tre­vi­so con­cepi­ta per i bam­bi­ni del­la scuo­la elementare.Alle 18 nel Duo­mo, toc­cherà alla con­cel­e­brazione del­la mes­sa da parte di tut­ti i sac­er­doti che han­no presta­to il loro min­is­tero a Desen­zano: con loro il vesco­vo emer­i­to di Bres­cia Bruno Foresti.Alla fine del­la mes­sa, alle 19.30, tut­ti all’al­ber­go Riv­iera: par­roc­chi­ani e sac­er­doti si ritro­ver­an­no a tavola per una pros­e­cuzione un po’ pro­fana del­la cel­e­brazione.