Successo di pubblico per l'opera proposta nell'edizione storica del 1913.

Festival del Centenario Arena di Verona. Sull’Aida è calato il sipario

09/09/2013 in Cultura, Musica classica
Di Redazione

Si è con­clu­so ieri sera – 8 set­tem­bre – con la rap­p­re­sen­tazione dell’Aida il Fes­ti­val del Cen­te­nario all’Arena di Verona, inau­gu­ra­to il 14 giug­no con la nuo­va pro­duzione di Aida di Giuseppe Ver­di, tito­lo are­ni­ano per eccel­len­za, per la regia di Car­lus Padris­sa ed Àlex Ollé del­la Fura dels Baus, assis­tente alla regia e core­ografa Valenti­na Car­ras­co, scenografo Roland Olbeter e cos­tu­mista Chu Uroz. L’allestimento ha reg­is­tra­to un’affluenza di pub­bli­co pari a 97.000 pre­sen­ze in totale nelle 11 recite, per una media a spet­ta­co­lo di cir­ca 9.000 spet­ta­tori.

Si è con­fer­ma­to lo spet­ta­co­lo più applau­di­to l’allestimento di Aida ispi­ra­to alla stor­i­ca mes­sa in sce­na del 1913, che un sec­o­lo fa ha dato il via al Fes­ti­val liri­co tra i più famosi al mon­do, a cura di Gian­fran­co de Bosio e con le core­ografie cre­ate ad hoc da Susan­na Egri, reg­is­tran­do il con­sue­to suc­ces­so di pub­bli­co.

È Aida in entram­bi gli alles­ti­men­ti pro­posti l’opera che ha reg­is­tra­to la più alta affluen­za del Fes­ti­val del Cen­te­nario, con numerose recite pres­soché sold out, a par­tire dal­la ser­a­ta inau­gu­rale. A questo si aggiun­gono la pre­mière di Roméo et Juli­ette del 31 agos­to, che ha con­ta­to un pub­bli­co di oltre 12.200 per­sone, e la recita del 18 agos­to di Nabuc­co che ha vis­to il M° Placido Domin­go — diret­tore artis­ti­co ono­rario del Fes­ti­val are­ni­ano — inter­pretare il ruo­lo del tito­lo davan­ti a oltre 10.000 spet­ta­tori.

GRANDI ARTISTI PER CELEBRARE IL CENTENARIO

Un cartel­lone da 58 eccezion­ali ser­ate, con 6 titoli d’Opera e 4 Gala, per fes­teggia­re il pri­mo sec­o­lo di Opera all’Arena di Verona.

Il Fes­ti­val dell’Arena di Verona con­fer­ma il gradi­men­to del pub­bli­co e dimostra il riconosci­men­to del suo alto val­ore artis­ti­co quale grande eccel­len­za nel mon­do, soprat­tut­to per l’attenzione orga­niz­za­ti­va, man­tenu­ta oltre tre mesi da giug­no a set­tem­bre, nel met­tere in sce­na ogni sera un tito­lo diver­so cura­to in ogni suo par­ti­co­lare.

Ques­ta sta­gione are­ni­ana si è con­trad­dis­tin­ta sia per la ricor­ren­za del Cen­te­nario del Fes­ti­val liri­co, che ha vis­to orga­niz­za­ti numerosi even­ti col­lat­er­ali alla pro­gram­mazione artis­ti­ca, sia per il doppio bicen­te­nario del­la nasci­ta di Richard Wag­n­er e Giuseppe Ver­di, a cui il cartel­lone ha guarda­to in modo par­ti­co­lare. Sono sta­ti scelti infat­ti titoli prin­ci­pal­mente ver­diani, cul­mi­nati con l’esecuzione del cap­ola­voro sin­fon­i­co del genio di Bus­se­to, la Mes­sa da Requiem, ese­gui­ta impe­riosa­mente dall’ensemble delle due gran­di Orchestre e Cori dell’Arena di Verona e del Teatro La Fenice di Venezia. Il Gala di Fer­ragos­to ha volu­to poi omag­gia­re entram­bi i com­pos­i­tori con inter­preti d’eccezione; infine la ser­a­ta del 20 agos­to ha ricorda­to i vent’anni del Con­cor­so Inter­nazionale Oper­alia pro­mosso dal M° Domin­go.

Per ogni ser­a­ta si è con­fer­ma­to un cast vocale d’eccezione con gran­di inter­preti del cal­i­bro di Plá­ci­do Domin­go, Leo Nuc­ci, Hui He, Daniela Dessì, Gio­van­na Casol­la, Daniela Bar­cel­lona, Ele­na Gabouri, Fabio Sar­tori, Jorge de León, Car­lo Ven­tre, Ambro­gio Maestri, Mar­co Vratogna, Alber­to Mas­tro­mari­no, Ivan Inver­ar­di, Ste­fano Sec­co, Car­lo Colom­bara, Vital­ij Kowaljow, Kon­stan­tin Gorny, Ray­mond Ace­to, Lucre­cia Gar­cia, Amar­il­li Niz­za, Rossana Rinal­di, Geral­dine Chau­vet, Lana Kos, Ele­na Mosuc, Maria Agres­ta, John Osborn, Francesco Meli, Gian­lu­ca Ter­ra­no­va, Rober­to Frontali Artur Rucińs­ki, Dal­i­bor Jenis, Anna Smirno­va, Andrea Ulbrich, Saimir Pir­gu, Alek­san­dra Kurzak, Andrea Mas­troni, Pao­lo Battaglia, Fioren­za Cedolins, Mar­co Berti, Stu­art Neill, Fran­co Vas­sal­lo, Susan­na Bran­chi­ni, Inva Mula, Iri­na Lun­gu, Orlin Anas­tassov, Car­men Gian­nat­ta­sio, Francesco Demuro.

Impor­tan­ti artisti han­no fat­to il loro debut­to nell’anfiteatro scaligero per il Fes­ti­val liri­co 2013: Vit­to­rio Grigo­lo, Maria José Siri, Adri­an Sam­pe­tre­an, Andzej Dob­ber, Leah Cro­cet­to, Tatiana Mel­ny­chenko, Tiziana Caru­so, Anna Malavasi, San­ja Anas­ta­sia, Loren­zo Decaro, Gior­gio Berru­gi, Cris­t­ian Ric­ci, Olga Perety­atko, Natalia Roman, Sonya Yonche­va, Matthew Polen­zani, Michael Bachtadze,Violeta Urmana, Eve­lyn Her­l­itz­ius, Mari­na Rebe­ka, Pret­ty Yende, Ana Maria Mar­tinez, Giuseppe Fil­ian­oti, Ste­fan Pop, Davit Babayants.

Gran­di diret­tori si sono alter­nati sul podio are­ni­ano per il Fes­ti­val del Cen­te­nario: dal debut­to di Omer Meir Well­ber, Daniel Hard­ing e Ric­car­do Friz­za al ritorno di Plá­ci­do Domin­go, Andrea Bat­tis­toni, Giu­liano Carel­la e Marko Leton­ja, oltre agli imman­ca­bili Julian Kovatchev e Daniel Oren ed alla stra­or­di­nar­ia pre­sen­za di Myung-Whun Chung per la ser­a­ta del 13 luglio.

L’opera più atte­sa ed ama­ta dal pub­bli­co are­ni­ano si ricon­fer­ma Aida nelle due messe in sce­na pro­poste per il Fes­ti­val del Cen­te­nario. Anche le ser­ate di Gala Mes­sa da Requiem, Gala Ver­di, Gala Domin­go-Hard­ing e Gala Domin­go-Oper­alia han­no dimostra­to apprez­za­men­to da parte del pub­bli­co, total­iz­zan­do una pre­sen­za di 25.674 spet­ta­tori per le 4 pro­poste, per un incas­so intorno a € 1.500.000.

Per ques­ta sta­gione è sta­to reg­is­tra­to un incas­so totale di € 28.760.311 (com­p­rese le 3 ser­ate al Teatro Romano e la finale del Con­cor­so Inter­nazionale Oper­alia al Teatro Filar­mon­i­co), con un incre­men­to del 27% rispet­to al 2012.

La pre­sen­za di 483.778 spet­ta­tori in totale ha reg­is­tra­to un incre­men­to del 13% rispet­to al 2012.

(FOTO ENNEVI)