Finalissima per il concorso. terza edizione, delBodypainting

Festivale del Garda e Bodypainting a Torri del Benaco

25/08/2008 in Spettacoli
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Cor­pi sin­u­osi trasfor­mati in opere d’arte dai mille col­ori. Tor­ri del Bena­co (Vr) ha ospi­ta­to nell’ultimo fine set­ti­mana la terza edi­zione dei cam­pi­onati nazion­ali di Body­paint­ing. Una man­i­fes­tazione, “benedet­ta” dall’assessore provin­ciale alla cul­tura popo­lare di Verona Gian­ni Pana­to, che ha richiam­a­to sul­la sponde del lago di Gar­da otto maestri del “pen­nel­lo” prove­ni­en­ti da diver­si par­ti d’Italia. A “rov­inare”, parzial­mente, lo spet­ta­co­lo il forte ven­to che ha costret­to gli orga­niz­za­tori a spostare il set dal­la cen­trale Piaz­za Calderi­ni ai locali al chiu­so rin­vian­do, alla domeni­ca sera, lo spet­ta­co­lo all’aperto. Ser­a­ta con­di­ta oltre che dal­la reg­is­trazione del­la sfi­la­ta delle opere d’arti viven­ti dal­la finale del­la sezione Inter­preti dei “Gran­di fes­ti­vals ital­iani” per l’assegnazione del­la can­zone più bel­la d’Italia. Vit­to­ria asseg­na­ta dal­la giuria popo­lare, com­pos­ta anche dal sin­da­co di Tor­ri e dall’assessore Fabio Raguzzi, ad Alessan­dra Abbon­dan­za, 17 anni di Cese­na giun­ta pri­ma al Live Song Fes­ti­val di Par­ma. Chi­udono l’avventura esti­va Valenti­na Fin di Trissi­no vincitrice del Can­taz­zur­ro Fes­ti­val di Vicen­za, Mari­na Elis­a­beth Caputo di Pog­gio Impe­ri­ale, che ha impres­so il sig­illo vin­cente sul­la Nota d’Oro di Cora­to in Puglia, e Irene Oliv­el­li di Roma, pri­ma al Fes­ti­val del Lago di Bolse­na. Tutte e tre valide avver­sarie dell’ottima Abbon­dan­za che nonos­tante la gio­vane età ha già al suo atti­vo con­cor­si come il “Fes­ti­val di Cas­tro­caro” e la “Voce per l’estate” di Sanremo.A con­durre la ser­a­ta Francesca Iaia De Rose, sali­ta agli onori del­la cronaca tele­vi­si­va gra­zie al real­i­ty tele­vi­si­vo “1, 2, 3… stal­la” e che da fine set­tem­bre sarà pro­tag­o­nista su Italia Uno in “Sat­ur­day Night Live”, pro­gram­ma che prende il nome e si ispi­ra al più cele­bre, irriv­er­ente, trasgres­si­vo e politi­ca­mente scor­ret­to show del­la tv amer­i­cana. Al fian­co del­la bril­lante Iaia un irre­sistibile Rober­to Valenti­no, cabaret­tista a 360 gra­di capace di pas­sare dal­la par­o­dia polit­i­ca all’amarcord pes­can­do per­son­ag­gi uni­ci come Stan­lio ed Olio. Spet­ta­co­lo che ha offer­to l’esibizione di Leano Morel­li, più volte pro­tag­o­nista al Fes­ti­val di San­re­mo e Fes­ti­val­bar a fine anni Set­tan­ta con can­zoni come “Nata lib­era” e “Cantare, gri­dare, sen­tir­si tut­ti uguali”, pez­zo quest’ultimo che rag­giunse le vette del­la Hit parade. Per quel che riguar­da il cam­pi­ona­to ital­iano di Body­paint­ing han­no ottenu­to il pas­sag­gio al fase finale, che sarà trasmes­sa sulle reti Medi­aset a fine set­tem­bre, le body­painter Letizia Cabria di Rovi­go, Lau­ra Leone di Bologna e Fiorel­la Scate­na di Pra­to. Il tema di ques­ta edi­zione era il “Viag­gio nel tem­po” ed ognuno dei parte­ci­pan­ti ha uti­liz­za­to una tec­ni­ca fra quelle a pen­nel­lo e spugna, air­brush ed effet­ti spe­ciali. A scegliere i migliori body­paint­ing una giuria com­pos­ta da Bruno Pros­doci­mi, car­i­ca­tur­ista, Mar­ti­na Miller ed Ele­na Tagli­api­etra.

Parole chiave: