Fiera del Vino di Polpenazze, grande festa in Valtènesi per la 70esima edizione

Parole chiave: -
Di Redazione

La Fiera del del Gar­da Clas­si­co Doc di Polpe­nazze del Gar­da si prepara a tagliare il nas­tro del­la 70esima edi­zione: tra­guar­do par­ti­co­lar­mente impeg­na­ti­vo che ver­rà cel­e­bra­to con con quat­tro giorni di grande fes­ta popo­lare all’insegna dei vini, dei sapori, delle tradizioni del­la Valtè­ne­si, zona viti­co­la di grande pre­gio sul­la riv­iera bres­ciana del .

Nata nel 1947, pre­siedu­ta dal sin­da­co del paese Andrea Dal Prete, orga­niz­za­ta dal coor­di­na­tore Mas­si­mo Coraz­za con il patrocinio del Min­is­tero per le Politiche Agri­cole, la stor­i­ca Fiera, appun­ta­men­to enogas­tro­nom­i­co fra  più amati del nord-Italia, è sta­ta fis­sa­ta in via eccezionale dal 31 mag­gio  al 3 giug­no, nel ponte del­la Fes­ta del­la Repub­bli­ca: la coin­ci­den­za con l’election day del 26–5 ha infat­ti reso nec­es­sario lo sposta­men­to del­la man­i­fes­tazione, che per tradizione si tiene di soli­to nell’ultimo week­end di maggio.

E’ la pri­ma novità di un’edizione spe­ciale, lega­ta ad un anniver­sario par­ti­co­lar­mente pres­ti­gioso. “Poche le Fiere che pos­sono vantare una sto­ria così lun­ga ed arti­co­la­ta – dice il coor­di­na­tore Mas­si­mo Coraz­za- par­ti­ta dal Dopoguer­ra per arrivare fino ad oggi con un suc­ces­so in costante cresci­ta nel seg­no del­la pro­mozione a tut­to cam­po del ter­ri­to­rio e delle sue pro­duzioni tipiche”.

L’appuntamento è in pro­gram­ma come sem­pre nel cen­tro stori­co medievale di Polpe­nazze, bal­cone nat­u­rale dal quale si può godere una vista moz­zafi­a­to su vigneti ed uliveti del­la Valtè­ne­si:  30 le can­tine che parteciper­an­no con pro­prio stand, per un totale di oltre 100 etichette in degus­tazione. Non mancherà lo spazio ris­er­va­to all’ormai clas­si­co Bor­go Bio, ded­i­ca­to esclu­si­va­mente alle ormai sem­pre più numerose aziende bio­logiche del com­pren­so­rio. Cen­trale come sem­pre il con­cor­so eno­logi­co nazionale del­la Doc Riv­iera del Gar­da Clas­si­co-Valtè­ne­si: sono 86 le etichette iscritte al con­cor­so e pre­sen­tate da 41 can­tine, in liz­za per il tito­lo di Vino Eccel­lente che ver­rà attribuito dalle com­mis­sioni di degus­tazione solo alle etichette che rag­giunger­an­no un pun­teg­gio di almeno 85/100.

L’ingresso in fiera sarà libero, ma per le degus­tazioni dei vini pre­sen­tati dai pro­dut­tori sarà come sem­pre nec­es­sario munir­si di sac­ca e bic­chiere, che anche quest’anno a causa di nuove nor­ma­tive legate alla sicurez­za negli even­ti di piaz­za non potrà più essere di vetro: l’amministrazione di Polpe­nazze ha quin­ti opta­to per un inno­v­a­ti­vo cal­ice “Bio Based”, ovvero real­iz­za­to con una spe­ciale bio­plas­ti­ca rica­va­ta da bio­mas­sa veg­e­tale, quin­di derivante da fonte rin­nov­abile. Per­fet­ta­mente sim­i­le ad un clas­si­co cal­ice da degus­tazione, è riu­ti­liz­z­abile o comunque 100% rici­cla­bile, e garan­tisce riduzione delle emis­sioni di CO2 e dell’impatto ambi­en­tale. “L’adozione di questo bic­chiere – spie­ga Coraz­za – è una scelta impor­tante anche dal pun­to di vista ambi­en­tale: ha com­por­ta­to un sen­si­bile aumen­to di spe­sa per l’organizzazione, ma il cos­to al pub­bli­co rimar­rà come lo scor­so anno fis­sato a 6 euro, cui sarà nec­es­sario som­mare 1,50 euro per ogni degus­tazione agli stand. Inoltre all’acquisto di ogni bic­chiere i vis­i­ta­tori ricev­er­an­no gra­tuita­mente anche uno spe­ciale gad­get del Set­tan­tes­i­mo: per cel­e­brare deg­na­mente l’anniversario sarà anche disponi­bile per l’acquisto la t‑shirt uffi­ciale dell’edizione 2019”.

L’altra grande novità riguar­da l’ampliamento del par­co fiera all’area di via del­la Paro­la: qui tro­ver­an­no spazio gli stand di tre can­tine, un’area street food con numerosi truck di pro­duzioni locali e spe­cial­ità da varie regioni ital­iane, e la Corte degli Assag­gi, che debut­ta in una nuo­va loca­tion vista lago pro­po­nen­do come sem­pre i vini vinci­tori del con­cor­so eno­logi­co in degus­tazione com­para­ta ed in abbina­men­to con i for­mag­gi tipi­ci del caseifi­cio di Tremo­sine Alpe del Gar­da. Una ten­sostrut­tura garan­tirà un mag­gior numero di posti al cop­er­to nell’area ris­torante dove oltre al clas­si­co Spiedo Bres­ciano tro­ver­an­no pos­to da quest’anno anche i tradizion­ali Cason­cel­li di Bar­bari­ga, e nell’area paninote­ca. Momen­ti di spet­ta­co­lo, musi­ca dal vivo, mostre e la pos­si­bil­ità di escur­sioni in mon­golfiera (sali­ta e disce­sa, gratis per i bam­bi­ni) arric­chi­ran­no il cartel­lone dell’evento, che si chi­ud­erà come sem­pre con un grande spet­ta­co­lo pirotecnico.

Parole chiave: -