La scuola media sarà il fulcro della rassegna che si terrà dal 12 al 14 gennaio. Le bancarelle distribuite nelle vie intorno alla cittadella scolastica

Fiera, un ritorno alla tradizione

03/11/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
r.da.

La notizia è uffi­ciale. La prossi­ma in pro­gram­ma dal 12 al 14 gen­naio tornerà ad usare, sep­pur parzial­mente, l’edificio delle scuole medie che è sta­to per tan­to tem­po la «cor­nice stor­i­ca» del­la grande man­i­fes­tazione. Dunque dopo cir­ca 20 anni la Fiera ritor­na in sostan­za alla sua scelta orig­i­nale, quel­la di essere gio­ca­ta tut­ta tra le vie del­la cit­tadel­la sco­las­ti­ca, che nel­la veste di «cit­tadel­la fieris­ti­ca» è un immag­ine impres­sa nel­la memo­ria col­let­ti­va dopo tante edi­zioni del pas­sato. Se l’operazione fun­zion­erà, è des­ti­na­ta per i prossi­mi anni con ogni prob­a­bil­ità ad ampli­ar­si ver­so altri edi­fi­ci, come quel­lo delle ele­men­tari. Sod­dis­fazione arri­va dal pres­i­dente Valenti­no Leonar­di e dal diret­tore Ger­mano Sig­urtà. Il Comi­ta­to fiera è impeg­na­to in ques­ta set­ti­mana a definire tut­ti gli aspet­ti orga­niz­za­tivi legati sia alla col­lo­cazione degli stand che alle man­i­fes­tazioni di con­torno. L’ingresso alla mini-cam­pi­onar­ia che pun­ta su agri­coltura, arti­giana­to e com­mer­cio sarà (ripe­tendo la felice espe­rien­za del­lo scor­so anno) col­lo­ca­to lun­go viale Roma. La sper­an­za è ovvi­a­mente che i lavori in cor­so per riqual­i­fi­care ques­ta stra­da che intro­duce al cen­tro stori­co di Lona­to, siano ulti­mati. Il com­mer­cio sarà pre­sente sia nelle aule del­la scuo­la media che nel Palazzet­to del­lo sport. Non mancher­an­no poi le auto che dovreb­bero trovare col­lo­cazione nell’ampio cor­tile dell’Itis. L’ufficio fiera ha pen­sato anche di aprire nei prossi­mi giorni un ind­i­riz­zo di pos­ta elet­tron­i­ca sul quale le aziende potran­no con­sultare le modal­ità di parte­ci­pazione, i costi dei mod­uli e ogni altra infor­mazione utile sull’evento. Le idee dunque per riv­i­tal­iz­zare la rasseg­na, stori­ca­mente lega­ta a Sant’Antonio Abate, cer­ta­mente non man­cano. Con grande atten­zione, anche ai costi per­ché non inci­dano su altre pri­or­ità. Del resto l’agenda fieris­ti­ca lonatese dal­lo scor­so anno deve reg­is­trare con suc­ces­so oltre che questo appun­ta­men­to di gen­naio anche quel­lo esti­vo, di San Gio­van­ni Battista.

Parole chiave: