Conto alla rovescia per i lavori di costruzione del cavalcavia sulla A4

Filatoio, stop a novembre

21/10/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

E’ ormai tut­to pron­to per l’e­mer­gen­za-cav­al­cavia del Fila­toio, sul­la statale 668 alla per­ife­ria di Lona­to. Da pochi giorni è com­in­ci­a­to il con­to alla roves­cia per l’inizio dei lavori sul ponte del­la statale per Mon­tichiari che sovrap­pas­sa l’au­tostra­da «Serenis­si­ma» all’al­tez­za di via Salera. L’ar­te­ria diret­ta che col­le­ga Lona­to a Mon­tichiari e alla Bas­sa (da un lato la Ghe­di-Orz­in­uovi, dall’altro la Carpenedo­lo-Aso­la) resterà infat­ti chiusa al traf­fi­co per il tem­po nec­es­sario ai lavori. Quan­to? Fran­ca­mente, nes­suno può o vuole sbi­lan­cia­r­si sul­la data in cui il nuo­vo cav­al­cavia — ricostru­ito e allarga­to di una deci­na di metri rispet­to a quel­lo che ver­rà demoli­to fra breve — ver­rà ria­per­to al traf­fi­co. In ogni caso la Soci­età Autostra­da Bres­cia-Verona-Pado­va, che pro­ced­erà a pro­prie spese alla real­iz­zazione del nuo­vo ponte, ha fat­to sapere che «in sette mesi saran­no ricostru­iti i quat­tro cav­al­cavia inter­es­sati, tra cui quel­lo di Lona­to». Se il pri­mo colpo di rus­pa, come las­cia intuire l’asses­sore ai Lavori pub­bli­ci Emilio Bare­si, dovrebbe essere dato in novem­bre, allo­ra si potrebbe azzardare anche il ter­mine dei lavori: feb­braio o mar­zo prossi­mi. L’op­er­azione-cav­al­cavia è sta­ta decisa dal­la soci­età «Serenis­si­ma» per la creazione del­la cor­sia d’e­mer­gen­za, in quel pun­to inesistente. Una caren­za grave in un trat­to del­la A4 teatro in pas­sato di inci­den­ti mor­tali. Da qui l’e­si­gen­za di demolire il ponte all’altezza del­la Salera per rifarne uno nuo­vo, più largo del prece­dente. Ma quel che pesa su ques­ta opera è la situ­azione di estremo dis­a­gio nel­la quale ver­ran­no a trovar­si gli auto­mo­bilisti e gli abi­tan­ti del­la zona. Ne è con­sapev­ole per pri­ma la stes­sa Ammin­is­trazione comu­nale lonatese che, dopo una serie di riu­nioni con tec­ni­ci ed esper­ti, ha mes­so a pun­to un piano di alter­na­ti­va che, anche con tut­ta la buona volon­tà dei suoi esten­sori, potrà solo atten­uare i dis­a­gi di cui si parla­va pri­ma. Per­chè il cav­al­cavia del Fila­toio è un pas­sag­gio obbli­ga­to ogni giorno per migli­a­ia di veicoli diret­ti ver­so la Bas­sa da un lato e il Gar­da dall’altro, in cui sono con­cen­trate centi­na­ia di aziende agri­cole, arti­gianali e indus­tri­ali, sen­za con­tare l’aero­por­to di Mon­tichiari. Ed ecco­lo il piano, che ci viene illus­tra­to dall’assessore Bare­si. A spese del­la «Serenis­si­ma» ver­rà asfal­ta­ta via Salera e col­lo­ca­ta l’in­tera seg­nalet­i­ca per gli auto­mo­bilisti. Il traf­fi­co pesante da Mon­tichiari in direzione di Lona­to ver­rà devi­a­to su Cal­ci­na­to, lun­go la statale 11, oppure su Cas­tiglione, attra­ver­so la nuo­va tan­gen­ziale. Nela frazione Cam­pagna non tran­siterà alcun mez­zo pesante. Il restante traf­fi­co (com­mer­ciale e pri­va­to) ver­rà così rego­la­men­ta­to. Direzione Mon­tichiari-Lona­to: chi deve rag­giun­gere il cen­tro stori­co potrà tran­sitare per Cam­pagna, quin­di super­are la fer­rovia e rag­giun­gere viale Roma, oppure uti­liz­zare via Salera nel frat­tem­po asfal­ta­ta e poten­zi­a­ta con guard-rail a pro­tezione del­la Seri­o­la. Sem­pre alla Salera ver­ran­no instal­lati degli inibitori di veloc­ità per con­sen­tire ai res­i­den­ti di pot­er uscire con tran­quil­lità dalle pro­prie abitazioni. Direzione Lona­to-Mon­tichiari: esistono due pos­si­bil­ità, oltre alla stra­da di Cam­pagna. O diriger­si ver­so Esen­ta e poi rien­trare attra­ver­so via Mal­oc­che oppure attra­ver­so via Cav­ic­chione (la stra­da vici­no ai mag­a­zz­i­ni comu­nali) con sen­so uni­co, da cui si potrà rag­giunge la provin­ciale (anche ques­ta via sec­on­daria ver­rà asfaltata).