Nel vivo la Settimana ecumenica Stasera parla un pastore valdese

Fino a domenica nella chiesa di S. Francesco

23/01/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
b.f.

Ha pre­so il via ieri la «Set­ti­mana di preghiera e rif­les­sione sull’ecumenismo», orga­niz­za­ta a Gargnano da padre Fioren­zo Reati, frances­cano e mem­bro del­la com­mis­sione per il dial­o­go cat­toli­co-orto­dos­so regionale, e dal par­ro­co don Vale­rio Sco­lari. La zona pas­torale inter­es­sa­ta all’iniziativa è la «Alto Gar­da, Madon­na di Mon­te­castel­lo», che com­prende i comu­ni a nord di Gargnano anche se, ovvi­a­mente, la parte­ci­pazione è aper­ta a tut­ti. Si trat­ta di quat­tro giorni di incon­tri di preghiera che vedran­no la parte­ci­pazione di rap­p­re­sen­tan­ti di diverse reli­gioni, che saran­no pre­sen­ti nel paese dell’alto lago. Luo­go di tut­ti gli appun­ta­men­ti reli­giosi sarà la chiesa di San Francesco, pos­ta all’ingresso di Gargnano. ieri sera è inter­venu­to padre Vladimir Zelin­skij, prete orto­dos­so moscovi­ta. Ques­ta sera alle 20.30 sarà la vol­ta del pas­tore valdese Johnatan Teri­no, di Bres­cia. Si pros­egue domani (ore 18) con la cel­e­brazione del­la mes­sa, da parte di don Vale­rio Sco­lari. Sarà una mes­sa par­ti­co­lare, cat­toli­ca in rito ori­en­tale. Con­clu­sione domeni­ca 25 gen­naio, sem­pre alle 18, con la cel­e­brazione del­la mes­sa. L’omelia sarà tenu­ta dal pas­tore luter­a­no Wesenick di Verona. Si trat­ta di un’iniziativa — spie­gano gli orga­niz­za­tori — che è molto segui­ta e che si cel­e­bra ogni anno. Un impeg­no e una pro­pos­ta che han­no ormai qua­si un sec­o­lo di vita, vis­to che venne avvi­a­ta nel 1908. Si trat­ta di incon­tri basati sul­la con­vinzione che la preghiera comune inter­con­fes­sion­ale sia fon­da­men­tale per la ricer­ca dell’unità del­la Chiesa.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti