La nascita del piccolo è stata accolta con entusiasmo da tutto lo staff di Gardaland SEA LIFE Aquarium

Fiocco azzurro a Gardaland per la nascita di Baldo: mamma Lupe e papà Bradley presentano il loro cucciolo d’otaria

30/09/2011 in Attualità, Curiosità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Tra le splen­dide crea­ture marine di SEA LIFE Aquar­i­um c’è una mer­av­iglia in più: si trat­ta di Bal­do, il ten­ero cuc­ci­o­lo d’otaria dato alla luce da mam­ma Lupe, la vivace leones­sa mari­na di 9 anni che vive nell’Acquario garde­sano dal 2009.La nasci­ta del pic­co­lo è sta­ta accol­ta con entu­si­as­mo da tut­to lo staff di Garda­land SEA LIFE Aquar­i­um che ha accom­pa­g­na­to Lupe in tut­ti i momen­ti del­la gravi­dan­za pren­den­dosene cura affet­tu­osa­mente e con grande pro­fes­sion­al­ità. La sua ges­tazione,  dura­ta cir­ca 12 mesi, è sta­ta costan­te­mente mon­i­tora­ta con con­trol­li peri­od­i­ci ed ecografie set­ti­manali per val­utare le dimen­sioni del pic­co­lo e la sua fre­quen­za car­dia­ca. Oltre a ciò, in immi­nen­za del par­to, Lupe è sta­ta costan­te­mente ripresa da un sis­tema di tele­camere che ha reg­is­tra­to tut­ta la sua gior­na­ta, 24 ore su 24, fino alla notte del lieto even­to in cui la dolce otaria ha dato alla luce il pro­prio erede sen­za bisog­no di alcun aiu­to, sebbene al suo fian­co fos­se sem­pre pre­sente lo staff dell’Acquario pron­to ad assis­ter­la all’occorrenza.    Bal­do, come las­cia inten­dere il nome, è vis­po e gode di otti­ma salute; è amorevol­mente accu­d­i­to dal­la sua mam­ma che lo allat­ta e con­for­ta con dei vocal­izzi ricam­biati dal pic­co­lo in un ten­ero dial­o­go. Il legame tra mam­ma e cuc­ci­o­lo è molto forte; le otarie, infat­ti, nel­la fase imme­di­ata­mente dopo il par­to, sono estrema­mente pro­tet­tive nei con­fron­ti dei pro­pri cuc­ci­oli dai quali non si stac­cano un atti­mo rin­un­cian­do persi­no ad ali­men­ta­r­si.   Dopo un peri­o­do trascor­so solo a stret­to con­tat­to con la mam­ma, Bal­do sarà pron­to per iniziare a famil­iar­iz­zare con papà Bradley e la “zia” Boadicea, l’altra fem­mi­na pre­sente nell’Acquario. Il pic­co­lo, infat­ti, ver­rà pre­sen­ta­to grad­ual­mente alle altre otarie e sarà poi introdot­to nel­la grande vas­ca ester­na dove Lupe gli inseg­n­erà a nuotare.    Per ora mam­ma e figli­o­let­to si eserci­tano in una pisci­na bas­sa dota­ta di uno spe­ciale scivo­lo poichè Bal­do — come tut­ti i cuc­ci­oli di otaria — si mostra anco­ra dif­fi­dente e tim­o­roso nei con­fron­ti dell’acqua alta. Ma è solo ques­tione di tem­po: ben presto sfug­girà al con­trol­lo del­la mam­ma per cimen­ta­r­si in speri­co­lati tuffi ed immer­sioni. Anche la sua “voce” deve anco­ra crescere: per il momen­to dal­la boc­ca di Bal­do esce soltan­to un timi­do bela­to ma c’è da scom­met­tere che, tra non molto, sarà in gra­do di imitare alla per­fezione il pos­sente “rug­gi­to” di papà Bradley e, chissà, che non riesca a rag­giungerne anche  l’imponente staz­za di ben 300 chilo­gram­mi.    Forse è sta­ta pro­prio la prestanza di Bradley a con­quistare la sociev­ole Lupe che, dopo una set­ti­mana di corteggia­men­ti fat­ti di vocal­iz­zazioni, nuo­tate a due, gira­volte e “baci” naso con­tro naso, ha cedu­to alle sue avances. D’altra parte anche Boa, l’altra leones­sa mari­na di Garda­land SEA LIFE Aquar­i­um, non è indif­fer­ente al fas­ci­no del bel Bradley che, come tutte le otarie, ama costru­ire attorno a sé un vero e pro­prio harem. C’è quin­di un’allegra famigli­o­la ad atten­dere il nuo­vo arriva­to; le otarie sono ani­mali molto socievoli ed intel­li­gen­ti e c’è da aspet­tar­si che il cuc­ci­o­lo Bal­do seguirà le orme dei suoi sim­ili cat­turan­do le sim­patie di tut­ti i vis­i­ta­tori di Garda­land SEA LIFE Aquar­i­um.                                                                                                                                                                                                

Parole chiave: