L’opera per eliminare il pericolo delle frane che minacciano la Gardesana.
Iniziano oggi i lavori di perforazione della montagna: tunnel di 840 metri

Forbisicle, primi passi della galleria

05/06/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

Inizier­an­no oggi, mart­edì, i lavori per la per­forazione del­la mon­tagna all’al­tez­za di For­bis­cile, in ter­ri­to­rio di Tig­nale. In prat­i­ca, si trat­ta del­l’inizio del­lo sca­vo del­la gal­le­ria vera e pro­pria, per la real­iz­zazione del­la quale le opere saran­no al nas­tro di parten­za dal prossi­mo autun­no. Da oggi, quin­di, l’im­pre­sa gen­ovese Care­na Spa darà l’avvio alla costruzione del tun­nel attra­ver­so lavori diret­ti nel ven­tre del­la montagna.Negli ulti­mi sei mesi, l’im­peg­no del­l’im­pre­sa è con­sis­ti­to nel­l’at­tiv­ità prepara­to­ria all’ese­cuzione del lavoro. Una serie di opere che han­no por­ta­to ad accol­lar­si alcu­ni dis­a­gi da parte degli auto­mo­bilisti o di chi si trova­va a tran­sitare nel­la parte set­ten­tri­onale del lago, con la Garde­sana chiusa com­ple­ta­mente o con il traf­fi­co a sen­so uni­co alter­na­to, rego­la­to da semafori.Con oggi, invece, la mon­tagna sarà per­fo­ra­ta per una pro­fon­dità di una trenti­na di metri, in modo da «assag­gia­re» e val­utare la con­sis­ten­za roc­ciosa per poi pro­cedere all’u­ti­liz­zo del­la dina­mite, oper­azione ques­ta pre­vista non imme­di­ata­mente ma a par­tire dal prossi­mo autun­no. Inizia con oggi, in prat­i­ca, la costruzione del tun­nel nat­u­rale, par­tendo da sud. Questo, a lavori ulti­mati, sarà pre­ce­du­to e segui­to da due tun­nel arti­fi­ciali che servi­ran­no da imboc­catu­ra e che saran­no lunghi alcune decine di metri.Nel suo com­p­lesso, invece, la gal­le­ria sarà lun­ga 840 metri e, a nord, andrà a con­giunger­si (attra­ver­so un trat­to di gal­le­ria arti­fi­ciale) al tun­nel che corre alle spalle di Cam­pi­one e che misura oltre 2.300 metri di lunghezza.Per i lavori pro­gram­mati nei prossi­mi giorni non sarà nec­es­sario il bloc­co del traf­fi­co sul­la stra­da Statale 45 bis, ma vi sarà sola­mente qualche ral­len­ta­men­to in occa­sione del trasporto del mate­ri­ale da sgombrare.Sul trat­to di stra­da al quale si sta ora lavo­ran­do sono cadu­ti la set­ti­mana scor­sa alcu­ni mas­si che han­no urta­to la vet­tura di una famiglia tedesca. Nes­sun dan­no alle per­sone. Sul luo­go è inter­venu­ta la Polizia Stradale di Salò per gli accer­ta­men­ti di pras­si. È sta­ta, di con­seguen­za, ispezion­a­ta la dor­sale del­la mon­tagna dal­la quale si era stac­ca­to il mate­ri­ale fra­noso ed è sta­to indi­vid­u­a­to altro pietrame, rimas­to for­tu­nata­mente imbra­ga­to dai para­mas­si e dalle reti di pro­tezione che era­no prece­den­te­mente sta­ta instal­late. Si trat­ta di un ver­sante che in quel pun­to più volte ha cre­ato grat­ta­capi scar­i­can­do a valle detri­ti peri­colosi per i veicoli di pas­sag­gio. La gal­le­ria elim­in­erà alla radice il problema.Nello stes­so pun­to, all’in­cir­ca all’al­tez­za del­la barac­ca in lamiera pos­ta al fian­co del­la stra­da, un paio di anni fa era pre­cip­i­ta­to un altro mas­so che ave­va sfonda­to la parte pos­te­ri­ore di un fuoristra­da di un mura­tore tremosi­nese. Anche in quel caso sen­za che gli occu­pan­ti del­la vet­tura subis­sero dan­ni.