La 44ª edizione della Fiera agricola e commerciale si svolgerà dal 18 al 21 gennaio. Novità: il «Mercantico» debutta in corso Garibaldi

Fra cultura e piatti tipici

02/01/2002 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Lonato

La Fiera agri­co­la di Lona­to (18–21 gen­naio) per rilan­cia­r­si pun­ta sem­pre di più al coin­vol­gi­men­to di molte delle realtà asso­cia­tive pre­sen­ti nel­la frazioni. Del­la bon­tà dell’idea paiono essere tut­ti con­vin­ti. Ma come si pre­sen­terà la 44ª edi­zione in base al lavoro orga­niz­za­ti­vo fin qui svolto? Innanz­i­tut­to dal 6 al 31 gen­naio si ripeterà l’ormai tradizionale cir­cuito enogas­tro­nom­i­co «A tut­to por­cel­lo», che coin­vol­gerà nove trat­to­rie e ris­toran­ti spar­si sul ter­ri­to­rio, che pro­por­ran­no menù intera­mente a base di carne di maiale. E’ in dis­tribuzione un pieghev­ole sul quale saran­no pre­sen­tati i menù dei ris­tora­tori ader­en­ti all’iniziativa. Nat­u­ral­mente numerose le occa­sioni di cul­tura: nelle gior­nate di saba­to 19 e domeni­ca 20 gen­naio l’associazione «La Pola­da» orga­nizzerà ai prin­ci­pali mon­u­men­ti lonate­si: torre civi­ca, basil­i­ca di San Gio­van­ni, chiese del­la Bea­ta Maria Vergine del Cor­lo e di Sant’Antonio, sala del Celesti nel palaz­zo munic­i­pale. Nei pres­si di cias­cun mon­u­men­to sarà inoltre pre­sente una gui­da che intrat­ter­rà i vis­i­ta­tori. L’associazione «La Pola­da» ha pre­dis­pos­to anche una impor­tante mostra fotografi­ca e doc­u­men­taria iner­ente le mura che cingevano Lona­to nei sec­oli scor­si e delle quali anco­ra oggi sono vis­i­bili ampi trat­ti. Tor­nan­do alla pre­sen­za di grup­pi delle frazioni che ave­vano riscos­so suc­ces­so tra i vis­i­ta­tori per l’edizione del gen­naio 2001, alle frazioni di San Toma­so, Cam­pagna, San Cipri­ano e Cen­te­naro, già pre­sen­ti la vol­ta scor­sa, si aggiunger­an­no Esen­ta, Sede­na e Madon­na del­la Scop­er­ta. Nelle gior­na­ta del 19 e del 20 gen­naio sarà per­tan­to pos­si­bile vedere le espo­sizioni di queste frazioni lun­go cor­so Garibal­di, che per la sec­on­da vol­ta diver­rà parte inte­grante del cam­po fieris­ti­co. Ma cor­so Garibal­di non si lim­iterà ad ospitare solo gli alles­ti­men­ti delle bor­gate. Sono infat­ti pre­viste mostre di pit­tori, men­tre la domeni­ca porterà sul cor­so, per la pri­ma vol­ta, una edi­zione spe­ciale del . Se a ciò si aggiunge la pre­sen­za di negozi per tutte le vie del cen­tro coin­volte a vario tito­lo nelle man­i­fes­tazioni fieris­tiche, si com­prende come sia di ampio respiro il pro­gram­ma che va definen­dosi in questi giorni. La Fiera dunque si sud­di­vide e si ricom­pone assumen­do una nuo­va fisiono­mia. Alle tradizion­ali attiv­ità del com­mer­cio si affi­an­cano le espo­sizioni delle realtà lonate­si, l’antiquariato, la pre­sen­tazione dei mon­u­men­ti del­la cit­tà e anche, per­ché no, le tradizioni del­la cucina.

Parole chiave: -