Dopo le votazioni dell’assemblea del circolo è arrivata l’investitura ufficiale

Fraglia vela, Lampertiè il nuovo presidente

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

È ora uffi­ciale la nom­i­na di Alfre­do Lam­per­ti, 61enne noto architet­to, a pres­i­dente del­la Fraglia Vela Desen­zano. Il con­siglio diret­ti­vo vota­to al ter­mine dell’assemblea dei soci svoltasi lo scor­so 31 gen­naio ha, infat­ti, nom­i­na­to il 12esimo pres­i­dente del cir­co­lo nau­ti­co che resterà in car­i­ca per i due anni.Nessuna sor­pre­sa, dunque, dopo che Lam­per­ti, suc­ce­du­to a Luciano Gal­loni, era risul­ta­to il più vota­to dall’assemblea con 77 voti. La stra­da ver­so la pres­i­den­za gli era sta­ta poi spi­ana­ta dal ritiro dal­la cor­sa di uno dei «papa­bili», Nico­la Borzani, cam­pi­one di vela con una vita trascor­sa fino­ra tra le barche del­la Fraglia.«Il con­siglio diret­ti­vo dovrà lavo­rare com­pat­to e uni­to — ha esor­di­to Lam­per­ti nel suo pri­mo dis­cor­so uffi­ciale — sec­on­do il pro­gram­ma sta­bil­i­to in parten­za, augu­ran­do­mi che tut­ti i con­siglieri pos­sano col­lab­o­rare nelle speci­fiche com­mis­sioni riv­olte prin­ci­pal­mente al rag­giung­i­men­to degli obi­et­tivi di pro­gram­ma». Insom­ma, il neo­pres­i­dente pun­ta a sal­pare con la nuo­va Fraglia ispi­ra­ta al gio­co di squadra. Tra i gli obi­et­tivi impre­scindibili c’è il raf­forza­men­to del­la squadra ago­nis­ti­ca, per­ché è quel­la che svilup­pa­to poi le poten­zial­ità del­la Fraglia fino a risul­tati sportivi di asso­lu­to val­ore internazionale.Il pro­gram­ma illus­tra­to da Lam­per­ti alla foltissi­ma assem­blea di fine gen­naio è risul­ta­to evi­den­te­mente affid­abile e con­vin­cente. Tra l’altro con lui lavor­erà un con­siglio diret­ti­vo esper­to e for­ma­to da per­sone che amano il cir­co­lo del­la Maratona.Lo staff esec­u­ti­vo è for­ma­to da Mar­tin Rein­t­jes che sarà vicepres­i­dente, Mario Piz­zat­ti, già diret­tore di ban­ca che si occu­perà del set­tore ammin­is­tra­ti­vo, Rober­to Assante, affer­ma­to velista, respon­s­abile di sede e del por­to, quin­di Giuseppe Navoni, diret­tore sportivo.«L’impegno del­la Fraglia — ha aggiun­to anco­ra Lam­per­ti — si dovrà inoltre con­cen­trare su tut­ti i fon­da­men­tali prin­cipi del Cir­co­lo, che taglia quest’anno il suo 51esimo anno di vita». Gli ulte­ri­ori obi­et­tivi sono «l’attiva parte­ci­pazione ai prog­et­ti di sol­i­da­ri­età di Ita­ca, del­la sezione Ail di Bres­cia, dell’associazione Tram­poli­no, dell’ e del Rotary di Desen­zano-Salò per il sosteg­no all’iniziativa Polio Plus».

Parole chiave: