Funghi, passione scienza e coscienza La «Bresadola» avvia la stagione

20/04/2002 in Enogastronomia
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Garda

Oggi e domani all’hotel Bis­es­ti assem­blea nazionale dei del­e­gati dell’Associazione mico­log­i­ca Bre­sadola (Amb), con­vo­ca­ta per gli annu­ali adem­pi­men­ti statu­tari e per fornire gli ind­i­rizzi pro­gram­mati­ci per l’anno cor­rente. L’Amb, che si avvia a com­piere 45 anni, è nata a Tren­to il 7 dicem­bre 1957 e trae la sua denom­i­nazione dall’abate trenti­no Gia­co­mo Bre­sadola (1847- 1929), uno dei mas­si­mi micolo­gi di tut­ti i tem­pi. Ha sede legale ed oper­a­ti­va in Tren­to, via A. Vol­ta 46 (tel. e fax 0461 913960 — E‑mail amb@ambbresadola.it — Web: www.ambbresadola.it). Con­ta attual­mente 12.000 soci, sud­di­visi in 119 grup­pi spar­si su tut­to il ter­ri­to­rio nazionale e nel Veronese rap­p­re­sen­ta­ta dal grup­po. L’Amb ha fonda­to nel 1993, assieme ad asso­ci­azioni france­si e spag­nole, la Cemm (Con­fed­er­azione euro­pea di micolo­gia mediter­ranea). Oltre agli organi sociali di gov­er­no, l’Amb ha isti­tuzion­al­iz­za­to delle impor­tan­ti strut­ture oper­a­tive: la fon­dazione Cen­tro stu­di mico­logi­ci, con sede a Vicen­za, real­iz­za e cat­a­lo­ga banche dati, nonché stu­di e doc­u­men­tazione mico­log­i­ca, orga­niz­za cor­si, con­veg­ni e sem­i­nari, pro­gram­ma attiv­ità edi­to­ri­ali, pro­muove stu­di leg­isla­tivi, gestisce l’erbario mico­logi­co (9.000 specie) e la mico­log­i­ca (1.700 titoli dal Sei­cen­to ai nos­tri giorni), prepara il cor­po docente sia nel cam­po del­la sis­tem­at­i­ca, tas­sono­mia e nomen­clatu­ra che nel cam­po tossi­co­logi­co; il comi­ta­to sci­en­tifi­co svolge fun­zioni di aggior­na­men­to, stu­dio e ricer­ca sci­en­tifi­ca, tiene ogni anno due ses­sioni itin­er­an­ti, una pri­maver­ile e una autun­nale, in local­ità sem­pre diverse e con la parte­ci­pazione di cir­ca 150 micolo­gi ital­iani e stranieri; il comi­ta­to di redazione sovrin­tende alla pub­bli­cazione del­la Riv­ista di micolo­gia , peri­od­i­co quadrimes­trale stam­pa­to in 13 mila copie des­ti­nate a soci e stu­diosi e il semes­trale Pagine di micolo­gia . Le final­ità dell’Amb sono: conoscen­za e con­ser­vazione del pat­ri­mo­nio botan­i­co e ambi­en­tale; pro­mozione del­la cul­tura eco­log­i­ca, del­lo stu­dio dei funghi e dei prob­le­mi con­nes­si alla micolo­gia; razion­al­iz­zazione del­la leg­is­lazione in mate­ria; rac­col­ta di mate­ri­ale didat­ti­co, bib­li­ografi­co e sci­en­tifi­co rel­a­ti­vo alla micolo­gia e alle scien­ze affi­ni per met­ter­lo a dis­po­sizione dei soci, anche medi­ante la stam­pa e dif­fu­sione di bol­let­ti­ni, riv­iste, peri­od­i­ci e pub­bli­cazioni in genere atti­nen­ti alla micolo­gia; col­lab­o­razione con enti isti­tuzioni e asso­ci­azioni che perseguono final­ità analoghe; pro­mozione dell’educazione san­i­traria rel­a­ti­va alla micolo­gia; pro­mozione di una coscien­za eco­log­i­ca e mico­log­i­ca pres­so i gio­vani e nelle scuole. Il «cuore» dell’Amb sono i suoi 119 grup­pi cap­il­lar­mente dif­fusi nel ter­ri­to­rio, che offrono ai soci e al pub­bli­co numerosi servizi, come incon­tri set­ti­manali con dia­pos­i­tive, lezioni mico­logiche e nat­u­ral­is­tiche, esame di funghi dal vero, mostre e rasseg­ne, con­sulen­za sui funghi rac­colti e pre­sen­tati, pub­bli­cazione di bol­let­ti­ni peri­od­i­ci, disponi­bil­ità di bib­lioteche e di attrez­za­ture sci­en­ti­fiche, cor­si e con­veg­ni, gior­nate di stu­dio, lezioni nelle scuole, con­sulen­ze tossi­co­logiche, cen­si­men­to delle specie fungine e altro.

Parole chiave: