L’impianto che collega Malcesine al Monte Baldo sarà inaugurato dal presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi

Funivia pronta per le prime corse

13/07/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Malcesine

Ulti­mi giorni fre­neti­ci di lavoro pri­ma del­l’o­ra X. Dovrebbe, il con­dizionale è d’ob­bli­go in questi casi, riaprire mart­edì l’impianto di risali­ta che col­le­ga il cen­tro dell’ alto lago con i 1760 metri di Trat­to Spino. La nuo­va funi­via Mal­ce­sine-Monte a cab­ine rotan­ti più ampie di quelle per 65 per­sone che ormai da cinque anni a Cit­tà del Capo, in Sud Africa, rag­giun­gono i 1.087 metri del­la Table Moun­tain) è sta­ta costru­i­ta nei tem­pi sta­bil­i­ti (even­to già di per sé eccezionale) gra­zie ad una forza lavoro che ha rag­giun­to punte mas­sime di oltre cen­to per­sone imp­ie­gate con­tem­po­ranea­mente nei cantieri sud­di­visi tra la stazione a valle, inter­me­dia (San Michele) e a monte. Una babele di idio­mi con operai spe­cial­iz­za­ti prove­ni­en­ti dalle più dis­parate local­ità e regioni d’I­talia: da Bolzano ad Agri­gen­to, dal Vene­to alla Puglia. In tre­cen­to giorni l’as­so­ci­azione tem­po­ranea di imp­rese com­pos­ta dal­la Höl­zl e Aga­mat­ic di Lana, dal­la Tro­jer­bau di Appi­ano, dal­la Pich­ler Stahlbau di Bolzano, dal­la Moos­maier del­la Val Pas­siria e dal­la Erd­bau di Mer­a­no han­no com­ple­ta­mente ristrut­tura­to l’impianto che col­legherà in poco meno di undi­ci minu­ti Mal­ce­sine al «Gia­rdi­no d’Eu­ropa». Ad inau­gu­rare la funi­via sarà, la mat­ti­na di mer­coledì 24 luglio come già antic­i­pa­to da L’Are­na , il pres­i­dente del­la Repub­bli­ca Car­lo Azeglio Ciampi, che dovrebbe giun­gere a Mal­ce­sine in eli­cot­tero par­tendo da Verona, dove già da mart­edì è atte­so in visi­ta uffi­ciale. Il Capo del­lo Sta­to effettuerà un giro panoram­i­co pri­ma di ritornare a valle e subito ripar­tire alla vol­ta di Roma. I par­ti­co­lari del­la visi­ta pres­i­den­ziale saran­no comunque defin­i­ti in una riu­nione in prefet­tura con­vo­ca­ta per lunedì. Intan­to mer­coledì prossi­mo alle ore 11 al castel­lo di Mal­ce­sine ci sarà la pre­sen­tazione alla stam­pa del­la nuo­va funi­via con la parte­ci­pazione del sin­da­co Giuseppe Lom­bar­di, del pres­i­dente del­la Provin­cia Alear­do Mer­lin, del­la Cam­era di com­mer­cio Fabio Bor­to­lazzi e del pres­i­dente dell’ Azien­da trasporti funi­co­lari Giuseppe Ven­turi­ni. All’in­con­tro sarà pre­sente anche il prog­et­tista del­l’impianto di risali­ta Mario Pedrot­ti. Funi­via costa­ta 39 mil­iar­di e dove ogni min­i­mo par­ti­co­lare è sta­to appro­fon­di­ta­mente stu­di­a­to. Tra gli obi­et­tivi del nuo­vo impianto l’au­men­to del­la por­ta­ta passeg­geri, 600 all’o­ra il trip­lo rispet­to all’at­tuale, ma anche l’ab­bat­ti­men­to delle bar­riere architet­toniche e il miglio­ra­men­to degli spazi. La par­ti­co­lar­ità è rap­p­re­sen­ta­ta dalle quat­tro cab­ine in servizio sui due tronchi. Nel pri­mo trat­to la por­ta­ta mas­si­ma delle sin­gole «vet­ture» è di 45 per­sone men­tre nel sec­on­do (San Michele ‑Trat­to Spino) le cab­ine rotan­ti han­no una capien­za di ottan­ta unità. Nel­la stazione a valle, dota­ta di nuovi uffi­ci direzion­ali e strut­ture di accoglien­za, è sta­to costru­ito un parcheg­gio inter­ra­to per più di 200 posti auto. A San Michele sono sta­ti con­cen­trati i macchi­nari di trazione e le strut­ture di con­for­to per i dipen­den­ti (mensa,docce, spoglia­toi) Solo in un sec­on­do tem­po la stazione a monte sarà dota­ta di un mod­u­lo di accoglien­za per ospitare centi­na­ia di per­sone in caso d’im­provvi­so mal­tem­po. Il cos­to del bigli­et­to, anda­ta e ritorno, è di 13 euro.

Parole chiave: