Gala di balletto a Riva del Garda con la Compagnia Cosi-Stefanescu

Parole chiave:
Di Redazione

Gran­di cap­ola­vori del reper­to­rio del bal­let­to clas­si­co e altri creati apposi­ta­mente su musi­ca sin­fon­i­ca di più recente creazione sono gli ingre­di­en­ti del Gala di bal­let­to, spet­ta­co­lo in due par­ti che mart­edì 30 dicem­bre nel­la sala Mille del Cen­tro Con­gres­si di Riva del Gar­da apre la sta­gione di dan­za 2014–2015 dei Comu­ni di Arco, Riva del Gar­da e Nago-Tor­bole. Ad esi­bir­si è la Com­pag­nia di bal­let­to clas­si­co Lil­iana Cosi – Marinel Ste­fanes­cu, su musiche di Ciaikovs­ki, Chopin, Dri­go, Beethoven, Kacia­turi­an, Minkus, Assafiev, Skri­abin, Liszt. Core­ografie di Marinel Ste­fanes­cu e clas­si­ca rus­sa; maître de bal­let Lil­iana Cosi. L’inizio è alle ore 21.

La Com­pag­nia Bal­let­to Clas­si­co porterà in sce­na il lin­guag­gio bal­let­tis­ti­co in ogni suo genere, dal clas­si­co al neo-clas­si­co fino al mod­er­no, pre­sen­tan­do uno spet­ta­co­lo ric­co di vir­tu­o­sis­mi e di grande forza comu­nica­ti­va. Come in ogni espres­sione dell’arte, soprat­tut­to nel­la musi­ca, così anche nel bal­let­to il vir­tu­o­sis­mo stes­so sus­ci­ta negli spet­ta­tori un forte impat­to emo­ti­vo. La Com­pag­nia Bal­let­to Clas­si­co Cosi – Ste­fanes­cu in ques­ta ser­a­ta offrirà agli spet­ta­tori alcu­ni di questi brani, basati pro­prio sul puro vir­tu­o­sis­mo, e altri ispi­rati invece a tem­atiche più par­ti­co­lari sus­ci­tate dai sen­ti­men­ti che arric­chis­cono l’animo umano nei diver­si aspet­ti del­la vita. La Com­pag­nia Bal­let­to Clas­si­co Cosi — Ste­fanes­cu di Reg­gio Emil­ia è sta­ta fon­da­ta nel 1977 da Lil­iana Cosi, ex pri­ma bal­le­ri­na étoile del Teatro alla Scala di , e da Marinel Ste­fanes­cu, ex pri­mo bal­leri­no étoile dell’Opera di Bucarest e dell’Opera di Zuri­go, entram­bi insigni­ti di numerosi pre­mi e riconosci­men­ti.

La mag­gior parte del reper­to­rio di ques­ta Com­pag­nia è for­ma­to da riv­is­i­tazioni clas­siche, come “Don Chis­ciotte”, “Cop­pélia”, “Spar­ta­cus”, “Ray­mon­da” e da nuove creazioni neo-clas­siche e mod­erne del­lo stes­so Ste­fanes­cu, su musi­ca sin­fon­i­ca o orig­i­nale, come “Risveg­lio dell’Umanità”, “Radi­ci”, “Anà­fu­ra”, “Omag­gio a Ciaikovs­ki”, “Sin­fonie in Bal­let­to”, “Bal­let­to d’Europa”, “Minia­ture d’Autore” e “Ground Zero-Nuo­vo Gia­rdi­no”. Il lavoro del­la Com­pag­nia Bal­let­to Clas­si­co è final­iz­za­to preva­len­te­mente ad attrarre un pub­bli­co gio­vanile, cer­can­do di pen­e­trare con i pro­pri spet­ta­coli nei diver­si con­testi sociali e cul­tur­ali.

 

Parole chiave: