Gran finale il 7 agosto a Torri. Il Palio delle bisse. Stasera, nel golfo ai piedi della Rocca, l’equipaggio dei primati va a caccia della sesta vittoria consecutiva

Garda cerca di fare l’en plein

31/07/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Nel Gol­fo ai pie­di del­la stor­i­ca Roc­ca, ques­ta sera, ulti­ma rega­ta di qual­i­fi­cazione delle bisse per il palio remiero del Gar­da. Con i dici­as­sette equipag­gi in gara anche le tre imbar­cazioni locali: Gar­da, Regi­na Ade­laide e Palo­ma. In pri­mo piano il quar­tet­to di voga­tori del­la Gar­da (Mat­teo Pinci­ni, Michele Berton­cel­li, Pao­lo Tac­coni e Alber­to Malfer) che, dopo esser­si aggiu­di­ca­to tutte e cinque le regate dis­pu­tate, cercherà di fare l’en plein per pre­sen­tar­si imbat­tuto alla gara finale di Tor­ri (saba­to prossi­mo), val­i­da per l’assegnazione del­la . Per Regi­na Ade­laide ci sarà il sorteg­gio con Ca’ Da Mosto di Desen­zano per vedere chi delle due gareg­gerà nel­la bat­te­ria dei for­ti oppure con il grup­po B, nel quale corre anche la Palo­ma, il cui tito­lo è vali­do per il tro­feo mes­so in palio dal­la . La prat­i­ca del­la voga a Gar­da ha orig­i­ni antiche, in quan­to il paese, fino agli anni Ses­san­ta del sec­o­lo scor­so, era essen­zial­mente di pesca­tori, allenati a con­durre a remi le loro imbar­cazioni sul lago. A loro il mer­i­to di aver tra­manda­to usi e tec­niche di uno stile remiero che è un mix di poten­za ed ele­gan­za. Rema­ta alla vene­ta che riv­ive nel­la cit­tad­i­na tur­is­ti­ca lacus­tre con il palio remiero di fer­ragos­to, quel­lo ded­i­ca­to all’Assunta, con le otto con­trade che si sfi­dano per aggiu­di­car­si il tro­feo rap­p­re­sen­ta­to da una stat­ua lignea del­la Madon­na. Dal 1967, l’anno di fon­dazione del­la Lega bisse, i voga­tori di Gar­da si sono aggiu­di­cati cinque volte la Bandiera del lago, ma molti altri han­no bril­la­to fuori casa, indos­san­do maglie di altri pae­si lacus­tri e rac­coglien­do un’autentica messe di suc­ces­si: nove volte con Tor­ri, due con e una con San Vig­ilio. I rema­tori di Gar­da, in sostan­za, si sono aggiu­di­cati in totale ben 17 bandiere in 36 anni di Palio. Un vero record. Alcu­ni di loro si sono mer­i­tati una fama divenu­ta qua­si leggen­da; il cam­pi­onis­si­mo Ettore Malfer, ad esem­pio, det­to «Bac­calà», che può fre­gia­r­si di un pri­ma­to asso­lu­to: ben dod­i­ci Bandiere del lago. E’ lui il «re del remo». Il fratel­lo Alber­to, che nel­la vita fa il ban­car­io, è il più esper­to dei rema­tori dell’equipaggio, è tut­to­ra al quar­to ramo con la bis­sa Gar­da e di bandiere ne ha collezion­ate dieci. Altro indi­men­ti­ca­to cam­pi­one è Pino Mon­ese, com­pag­no di rema­ta dei fratel­li Malfer sul­la stor­i­ca Palo­ma, la bis­sa che per trent’anni ha dife­so i col­ori di Tor­ri pri­ma e di Gar­da poi, che ha total­iz­za­to dieci Bandiere. Otti­mi atleti sono sta­ti anche Ali­gi Pinci­ni, attuale pres­i­dente del grup­po bisse di Gar­da, e il vice Clau­dio Malfer. Quan­to alle vit­to­ria di squadra, il pri­ma­to res­ta nelle mani di Palo­ma, che sot­to le inseg­ne di Tor­ri ha vin­to sette bandiere con­sec­u­tive, dal 1977 al 1983. Quin­di Gar­da e Clu­san­i­na con cinque. Da seg­nalare il tris di Ichtia di Peschiera (1999–2001) e il pok­er di Fos­ca­ri­na di Gar­done (1992–1995). Grande atte­sa, dunque, per la rega­ta di stasera: si com­in­cerà con la para­ta folk­loris­ti­ca e la sfi­da in acqua, con i rema­tori a con­tender­si la vit­to­ria di gior­na­ta e la qual­i­fi­cazione nei rispet­tivi grup­pi per la rega­ta finale di saba­to prossi­mo a Tor­ri, val­i­da per l’assegnazione del­la 37° Bandiera del lago e dei tro­fei mes­si in palio dal­la Comu­nità del Gar­da e dal Coor­di­na­men­to .