Riunione risolutiva dopo la crisi della società di servizi intercomunale. Passa anche il piano di investimenti

Garda Uno, Comincioli presidente

Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Dal all’ac­qua. , sin­da­co uscente di Pueg­na­go (ma si ripresen­terà alle prossime elezioni), è il nuo­vo pres­i­dente del­la soci­età per azioni . Grande pro­dut­tore di e di vini rossi di notev­ole qual­ità, addi­ta­to da Lui­gi Veronel­li come uno dei big del­la Valte­n­e­si, Com­in­ci­oli adesso si dedicherà anche all’ac­qua. L’azien­da si occu­pa infat­ti del­la del lago dal 1974, con­voglian­do i liqua­mi del­la spon­da occi­den­tale all’impianto di Peschera. I soci sono l’Am­min­is­trazione provin­ciale, la Comu­nità mon­tana e i Comu­ni del Gar­da bres­ciano. Negli ulti­mi anni i servizi ero­gati sono cresciu­ti. La spa gestisce anche la dei rifiu­ti e lo spaz­za­men­to delle strade dei comu­ni riv­ieraschi, la pulizia delle spi­agge, le fog­na­ture, le isole eco­logiche (dove con­fluis­cono mat­eras­si, divani, mobili, elet­trodomes­ti­ci, mate­ri­ali fer­rosi, med­i­c­i­nali scadu­ti, bat­terie di piom­bo, car­tone, plas­ti­ca), l’uf­fi­cio tec­ni­co (elab­o­ra i prog­et­ti per la real­iz­zazione di nuovi tronchi, effet­tua le gare di appal­to e dirige i lavori), gli acque­dot­ti e il sis­tema infor­mati­co ter­ri­to­ri­ale. E, per Tremo­sine, la rete del gas. La riu­nione si è svol­ta nel­la sede di Padenghe. Superan­do allo sprint il sin­da­co di Maner­ba, , dato favorito sino alle ultime ore, Com­in­ci­oli ha dunque pre­so il pos­to di Diego Ardigò, numero 1 di Tremo­sine, che a sua vol­ta ave­va ril­e­va­to Gui­do Maru­el­li di S. Felice. Dopo la bufera dei giorni scor­si, con velenose accuse di immo­bil­is­mo, sem­bra che l’as­cia di guer­ra sia sta­ta sot­ter­ra­ta. Vice pres­i­den­ti sono sta­ti nom­i­nati Nico­la Scot­ti, attuale asses­sore al bilan­cio di Salò, e il valsab­bi­no Aure­lio Bizioli, revi­sore dei con­ti di alcu­ni enti locali e com­mer­cial­ista con stu­dio a Roè Vol­ciano. Gli altri com­po­nen­ti del con­siglio di ammin­is­trazione: , sin­da­co di Poz­zolen­go, Gian­car­lo Menega­to di Desen­zano, Pierange­lo Cit­ta­di­ni, Mar­cel­lo Cobel­li e Rena­to Fontana di Toscolano Mader­no, Cesare Mena­pace di Lona­to. L’area di cen­trode­stra ha vota­to i pro­pri cinque, il cen­trosin­is­tra i suoi quat­tro. I nove sceglier­an­no l’am­min­is­tra­tore del­e­ga­to. Revi­sori dei con­ti: Mas­si­mo Polli­ni, sin­da­co di Moni­ga, Mau­ro Viven­zi e Euge­nio Vitel­lo. La sec­on­da soci­età, la srl Gar­da servizi, cre­a­ta a suo tem­po, una sor­ta di brac­cio oper­a­ti­vo, ver­rà sci­ol­ta, non essendo più nec­es­saria. Non anco­ra risolto il nodo delle incom­pat­i­bil­ità. Un parere legale sostiene che, se lo statu­to del munici­pio lo prevede, un con­sigliere può diventare ammin­is­tra­tore o revi­sore dei con­ti del­la spa Gar­da Uno. Il cen­trode­stra è su ques­ta lin­ea; il cen­trosin­is­tra no (e rib­adisce l’in­com­pat­i­bil­ità tra i due incar­ichi). Nel­la riu­nione del­l’al­tra sera approva­to un piano di inves­ti­men­ti di 278.490 euro » Iva. In tem­pi bre­vi saran­no acquis­ta­ti un Dai­ly, un porter, un con­tain­er, una spaz­za­trice, due press con­tain­er, un altro da 25 metri cubi, quat­tro da 30 mc. per le isole eco­logiche, 160 cas­sonet­ti per la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta del­la car­ta, 100 per la plas­ti­ca, altret­tan­ti bidoni per il vetro, una venti­na di cam­pane e una trenti­na di con­teni­tori per oli usati.