Garda Uno: progetto scuola

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Una mag­giore e più inci­si­va conoscen­za dei com­pi­ti e delle attiv­ità del­l’Azien­da Spe­ciale Con­sorzio Gar­da Uno. È ques­ta la final­ità di un prog­et­to a cui da parec­chio tem­po si sta ded­i­can­do il con­sigliere del­l’Azien­da dr. Wal­ter Romag­no­li attra­ver­so la col­lab­o­razione del con­sulente ester­no prof. Adal­ber­to Da Casto.Un’iniziativa riv­ol­ta soprat­tut­to ver­so il mon­do sco­las­ti­co di ° gra­do delle scuole del ter­ri­to­rio garde­sano inter­es­sato dalle attiv­ità ambi­en­tali del Gar­da Uno. Numerosi incon­tri fra i rap­p­re­sen­tan­ti del Con­sorzio ed i respon­s­abili del set­tore sco­las­ti­co sono avvenu­ti nei mesi scor­si, men­tre un altro è pre­vis­to per fine agos­to in modo che, se tut­to pro­ced­erà per il ver­so gius­to, si pos­sa pre­sentare l’inizia­ti­va già dal­l’inizio del prossi­mo anno scolastico.Un vei­co­lo nat­u­rale, quel­lo degli stu­den­ti, capace di far arrivare in modo diret­to nel­la mag­gior parte delle abitazioni il mes­sag­gio che il Gar­da Uno intende trasmet­tere per una mag­gior sen­si­bi­liz­zazione di tut­ta la popo­lazione ver­so la sal­va­guardia e la tutela dei beni ambi­en­tali e di tut­to l’e­co­sis­tema che, sulle rive del lago di Gar­da, sono assai preziosi. L’at­ten­zione del prog­et­to infat­ti vert­erà soprat­tut­to su tre set­tori: l’ac­qua, i rifiu­ti, la via­bil­ità e la manuten­zione del­la rete stradale.Naturalmente tut­to il pac­chet­to del prog­et­to dovrà essere pre­sen­ta­to e pro­pos­to ai vari docen­ti in modo da pot­er avere l’aval­lo e la col­lab­o­razione di tut­ti quan­ti, indis­tin­ta­mente. Un prog­et­to questo nato non per caso ma nel­l’am­bito delle attiv­ità ambi­en­tali in atto nelle scuole bres­ciane e, in par­ti­co­lare, in quelle del ter­ri­to­rio del Gar­da bresciano.L’intervento pre­vis­to per ogni tem­at­i­ca sarà arti­co­la­to in un’azione di sup­por­to tec­ni­co sci­en­tifi­co ai docen­ti coin­volti ed in un’azione di affi­an­ca­men­to alla costruzione di unità didat­tiche da sot­to­porre agli stu­den­ti nel cor­so del­l’an­no sco­las­ti­co ’99/2000.Tre set­tori, si dice­va, che vedran­no focal­iz­zare argo­men­ti come la cap­tazione, dis­tribuzione e depu­razione del­l’ac­qua; , smal­ti­men­to e fonti ener­getiche rin­nov­abili per i rifiuti.Le scuole medie inter­es­sate saran­no Desen­zano o Riv­oltel­la, Sirmione, Maner­ba, Sana Felice d/Benaco, Padenghe, Salò.

Parole chiave: