Cambia sede il Consorzio Garda Uno, l'azienda che si occupa di depurazione e di risanamento del lago di Garda.

Garda Uno, trasloco in vista

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Cam­bia sede il , l’azien­da che si occu­pa di e di risana­men­to del . Dal­la palazz­i­na di San Felice del Bena­co si trasferirà infat­ti in quel­la più pres­ti­giosa ed ele­gante del­l’ex Cas­sa Rurale ed Arti­giana di Padenghe sul Gar­da. L’op­er­azione di acquis­to è sta­ta approva­ta dal­l’assem­blea gen­erale del­l’azien­da svoltasi nei giorni scor­si. Cos­to: poco meno di 3 mil­iar­di di lire finanziati con un leas­ing decen­nale. Il traslo­co sarà ese­gui­to entro fine anno. L’im­mo­bile, che una vol­ta ospi­ta­va la cas­sa rurale poi con­flui­ta nel­la nuo­va Ban­ca del Gar­da con sede a Mon­tichiari, è opera del­l’ar­chitet­to Mau­r­izio Bet­ta, di Sirmione e si tro­va davan­ti a palaz­zo Bar­bi­eri, sede del Comune di Padenghe. Attual­mente sono 140 i dipen­den­ti del «» ma il loro numero è des­ti­na­to a salire per effet­to dei nuovi ingres­si di soci che al momen­to sono una venti­na. In totale il baci­no di res­i­den­ti-uten­ti ammon­ta a qua­si 100 mila. Non ne fan­no parte Lona­to (ma la neona­ta giun­ta ulivista sem­bra inten­zion­a­ta a rivedere la deci­sione pre­sa dal­la pas­sa­ta ammin­is­razione) e Sirmione che gestisce per pro­prio con­to il sis­tema comu­nale di depu­razione. Al «Gar­da Uno», inoltre, com­pete anche l’onere del servizio di smal­ti­men­to rifiu­ti delle super­fi­ci dei laghi di Gar­da e di Idro, un servizio che viene esple­ta­to con alcu­ni bat­tel­li-spazz­i­ni: due sul Gar­da ed uno sul­l’Eridio. Ma l’azien­da, pre­siedu­ta da Gui­do Maru­el­li, si occu­pa anche di gas metano: Tremo­sine, per esem­pio, sta real­iz­zan­do il pri­mo impianto del genere su prog­et­to redat­to dal’uf­fi­cio tec­ni­co del«Garda Uno». Intan­to, nel cor­so del­l’ul­ti­ma assem­blea è sta­to approva­to anche il bilan­cio tri­en­nale di pre­vi­sione che si attes­ta sui 37 mil­iar­di di lire. «Con il 2001 — ha det­to il vicepres­i­dente Mario Quec­chia nel suo inter­ven­to — ver­rà atti­va­to il Servizio Inte­gra­to per i soci, cioè un servizio che abbrac­cia diver­si sis­te­mi, dai rifiu­ti, all’ac­qua, alla depu­razione, al gas metano e così via: nasce così un’azien­da mul­ti­servizi». E’ sta­ta infine accol­ta all’u­na­nim­ità la pro­pos­ta di del­e­ga al CdA del­l’azien­da per sten­dere un pro­to­col­lo d’in­te­sa con l’azien­da Garde­sana di Verona sul piano acqua.

Parole chiave: