Gardaland Resort fa il punto sulla stagione appena conclusa.

Parole chiave:
Di Redazione

Si sono spen­ti da poco i riflet­tori su Mag­ic Hal­loween e, in atte­sa dell’apertura inver­nale, Garda­land Resort fa il pun­to sul­la sta­gione trascorsa.

Un bilan­cio più che pos­i­ti­vo su tut­to il Resort e su Garda­land Hotel in par­ti­co­lare” — spie­ga Aldo Maria Vigevani, Ammin­is­tra­tore Del­e­ga­to di Garda­land. “Sin dal­la sua aper­tu­ra l’hotel esistente ha vis­to una con­tin­ua e costante cresci­ta in ter­mi­ni di occu­pazione delle camere; a fine otto­bre 2015 abbi­amo chiu­so la sta­gione con un’occupazione media pari all’84% e il numero record di 118.519 pre­sen­ze reg­is­trate nel solo peri­o­do aprile-settembre.“

L’ot­ti­ma per­for­mance del­la strut­tura esistente con­fer­ma la valid­ità del prog­et­to per il nuo­vo Garda­land Adven­ture Hotel, una strut­tura com­ple­ta­mente tem­atiz­za­ta in gra­do di diver­si­fi­care la pro­pos­ta di sog­giorno fir­ma­ta Garda­land. La strut­tura pro­por­rà oltre 100 fam­i­ly room e uno scenografi­co ris­torante real­iz­za­to in veste asso­lu­ta­mente inno­v­a­ti­va — il Tutankha­mon Restau­rant; la strut­tura sarà aper­ta anche ai Cli­en­ti che non sog­gior­nano negli hotels.”

Garda­land Adven­ture Hotel 2016 nasce anche per sod­dis­fare la costante richi­es­ta di inno­vazione e orig­i­nal­ità del mer­ca­to e per far fronte alle sue dinamiche ed evoluzioni che ril­e­vano, all’interno del Resort, un con­sid­erev­ole aumen­to degli Ospi­ti prove­ni­en­ti da gran parte d’Europa e non solo. “Pur con­fer­man­do la pre­sen­za mag­gior­i­taria di Ospi­ti ital­iani in hotel — rac­con­ta Aldo Maria Vigevani — nell’ultimo anno abbi­amo reg­is­tra­to un sig­ni­fica­ti­vo aumen­to del­la clien­tela straniera sia nel Par­co che a Garda­land Hotel, a con­fer­ma del­la grande vocazione inter­nazionale del­la des­ti­nazione Garda­land”.

Forte del suc­ces­so rag­giun­to oltre i con­fi­ni ital­iani, Garda­land Hol­i­days — il Tour Oper­a­tor di Garda­land Resort che si occu­pa del­la real­iz­zazione e del­la ven­di­ta di pac­chet­ti tur­is­ti­ci in Italia e all’estero — ha stip­u­la­to numerosi con­trat­ti con alcu­ni tra i più impor­tan­ti oper­a­tori europei, in par­ti­co­lare in quei Pae­si dai quali Garda­land attinge il mag­giore afflus­so di vis­i­ta­tori: Ger­ma­nia, Svizzera, Aus­tria, Olan­da, Bel­gio, Gran Bre­tagna, Croazia, Rus­sia e Israele.

Negli ulti­mi due anni Mer­lin Enter­tain­ments ha investi­to 45 mil­ioni di euro in Italia, sud­di­visi tra Garda­land con Obliv­ion — The Black Hole nel 2015 e l’hotellerie con Garda­land Adven­ture Hotel per il 2016. Il Grup­po crede molto nel mer­ca­to ital­iano e nel­la posizione strate­gi­ca di Garda­land” — con­tin­ua Aldo Maria Vigevani. “Da un lato abbi­amo il Lago di Gar­da con i suoi pae­sag­gi e il par­ti­co­lare micro­cli­ma, dall’altro la forza di un brand — Garda­land — in gra­do di cogliere tem­pes­ti­va­mente i cam­bi­a­men­ti e le esi­gen­ze che il mer­ca­to esprime e capace di pro­porre sem­pre ai suoi Ospi­ti nuove forme di offer­ta generan­do inter­esse e gran­di vantaggi.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parole chiave: