GardaLanding chiude la stagione 2018 con un’escursione all’isola del Garda

Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Un’ultima escursione in barca chiude simbolicamente una stagione turistica importante, quella del 2018, che ha portato tante novità e consolidato sempre più legami verso il sogno dei tre soci di GardaLanding Sebin Pinackatt, Giacomo Ballerini e Alessio Priante: del lago di Garda Unico, integrando la parte dell’Alto Mantovano.

L’unione di più forze ha permesso di trascorrere una giornata interessante sotto il profilo culturale e di informazione grazie alla collaborazione di Claudio Francioso, rappresentante del Consorzio Motoscafisti Sirmione e alla contessa Alberta Cavazza che ha aperto le porte della sua incantevole villa in stile neo gotico-veneziano a operatori del turismo, politici locali e giornalisti nel pomeriggio di venerdì 19 ottobre.

Diversi sono stati i custodi dell’Isola del Garda nel corso dei secoli. Lapidi Gallico-Romane che sono state trovate in loco e donate al museo di Brescia dal conte Luigi Lechi colloca la vita in quella zona già al tempo dei romani. Fu anche dimora per i frati che non abbandonarono quelle terre nonostante le incursioni mantovane, bresciane e veronesi. Dal 1685 al 1697 fu un convento di noviziato dove i frati si ritiravano. Napoleone soppresse il monastero ormai vetusto nel 1797. I diversi proprietari furono Gian Battista Corner, i fratelli Benedetti, Giovanni Fiorentini, Luigi Lechi. Nel 1860 fu espropriata dalla Stato e assegnata all’esercito ma tra il 1880 e il 1900 dei nuovi proprietari duca Gaetano de Ferrari e l’arciduchessa Maria Annenkof la riportarono alla luce. Alla famiglia Cavazza – Borghese passò nel 1927 e oggi è abitata da tre fratelli, una coppia di giardinieri e due custodi

“Siamo partiti da zero, quando l’isola non era assolutamente quella che voi avete visto oggi perché stava cascando a pezzi il palazzo, il giardino non era ben tenuto e ha subito circa vent’anni di abbandono – ha raccontato la contessa -. Eravamo tutti troppo giovani per sapere cosa fare, ma nel 2001 abbiamo deciso di aprire al pubblico. Sono 18 anni che porto le persone all’isola, siamo sempre in evoluzione e in crescita. È una piccola perla in mezzo al nostro lago molto delicata che va anche tutelata. Per questo c’è un equilibrio per quello che è il rispetto della sua storia e della sua cultura e quello che è il bisogno per fare tutte le opere di restauro. Stiamo portando delle novità per un turismo culturale attento, oltre a puntare sulle serate astronomiche dove i ragazzini con le loro famiglie possono guardare le stelle o anche la caccia al tesoro botanica”.

Un accordo di interesse culturale, storico e di voglia di non perdere l’enorme patrimonio del lago di Garda è quello che ha unito il Consorzio dei Motoscafisti Sirmione con la contessa e GardaLanding. Vivere sul lago e per il lago significa anche questo.

“Per noi la navigazione è a 360°, abbiamo oltre 40 barche di diverse dimensioni e il nostro obiettivo è quello di tenere vivo il lavoro che abbiamo ereditato, quello dei barcaioli – ha raccontato Francioso -. La nostra filosofia è che il turista è un ospite e va trattato bene. Quello che è importante è trasmettere la nostra storia”.

E proprio su questa onda, sul voler promuovere il lago di Garda che Pinackatt, Ballerini e Priante hanno scommesso in grande quando a inizio stagione hanno regalato un nuovo strumento gratuito per la connessione e la promozione turistica.

“Abbiamo accettato una sfida importante: quella di portare la gente da Peschiera del Garda all’Isola e siamo riusciti a farlo diventare un servizio regolare – hanno spiegato i soci di GardaLanding -. Il nostro obiettivo è quello di creare sempre più sinergie per ottenere un Garda Unico, per tutti. Stiamo raccogliendo le esigenze dell’Alto Mantovano e del basso Garda veronese e bresciano sia degli operatori turistici sia delle realtà istituzionali, per poter lavorare a un nuovo progetto per il territorio”

 

 

Commenti

commenti