Viabilità: il 30 gennaio summit con il ministro dei Lavori pubblici Nerio Nesi. A Forbisicle lavori in corso fino al 10 febbraio

Gardesana, il caso a Roma

18/01/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

La com­mis­sione Ter­ri­to­rio del­la Regione (pres­i­dente Margheri­ta Per­oni) ascolterà oggi Bruno Faus­ti­ni, il pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana , in mer­i­to alla situ­azione del­la mar­to­ri­a­ta . Faus­ti­ni sot­to­li­neerà nat­u­ral­mente le esi­gen­ze del­la popo­lazione. E per giovedì prossi­mo è già pre­vista un’altra riu­nione, sta­vol­ta nel­la sede del­la Comu­nità di Vil­la di Gargnano. Quel giorno si riu­nirà la com­mis­sione provin­ciale Lavori pub­bli­ci, pre­siedu­ta da Bruno Rossi­ni. Il momen­to chi­ave sarà però mart­edì 30 gen­naio, alle ore 17, quan­do è pre­vis­to un ver­tice a Roma, sol­lecita­to dal par­la­mentare bres­ciano Aldo Rebec­chi, al quale dovrebbe essere pre­sente anche il min­istro dei Lavori pub­bli­ci Ner­io Nesi. Ver­ran­no invi­tati i rap­p­re­sen­tan­ti delle isti­tuzioni locali (Comu­ni, Comu­nità mon­tana, Provin­cia e Bres­cia e Tren­to, ). Nel frat­tem­po, nel tar­do pomerig­gio di mart­edì la Prefet­tura ha ospi­ta­to l’ennesimo ver­tice sul­la Garde­sana, alla pre­sen­za del neo­prefet­to Anna Maria Can­cel­lieri, e con la parte­ci­pazione di Fran­co Nicoli Cris­tiani (asses­sore regionale alla Qual­ità dell’Ambiente), (col­le­ga provin­ciale ai Lavori pub­bli­ci); oltre che di Bruno Faus­ti­ni e dei sin­daci dell’alto Gar­da. Sul tavo­lo gli ormai con­sueti prob­le­mi che il bloc­co del­la statale (e l’interruzione del col­lega­men­to di quell’area del Bres­ciano con il Trenti­no) sta cre­an­do: dif­fi­coltà per stu­den­ti e lavo­ra­tori, emer­gen­ze san­i­tarie e così via. Si aggiungano gli inter­rog­a­tivi sul­la sta­gione tur­is­ti­ca immi­nente, e sulle ricadute neg­a­tive che una even­tuale con­fer­ma dell’interruzione rovescerebbe sull’intera area dell’alto Gar­da bres­ciano. Intan­to, per­cor­rere la Garde­sana in questi giorni si riv­ela un’esperienza strana: traf­fi­co ridot­tis­si­mo, ben lon­tano da quel­lo che si è soli­ti reg­is­trare anche in un peri­o­do di stan­ca come l’attuale. Per gli auto­mo­bilisti del pos­to (operai, imp­ie­gati, bidel­li), per­cor­rere la statale semi­deser­ta si riv­ela a volte una gimkana, e per i chilometri di stra­da a Nord di Gargnano serve la con­sul­tazione di tabelle e orolo­gio, per imbroc­care gli orari di aper­tu­ra nei momen­ti giusti. Risalir­la fino a Riva non è pos­si­bile, si sa, dal 22 dicem­bre, a causa del­la frana del­la Roc­chet­ta, appe­na a Sud del­la cit­tà trenti­na. Ma all’impossibilità di por­tar­si in Trenti­no da qui (se non con il traghet­to: lunghe code anche lì), si aggiun­gono altri intop­pi macchi­nosi. Tra Gargnano e Tig­nale si sta lavo­ran­do all’altezza dei «Dos­si», da dove parte la vec­chia stra­da diret­ta alla frazione di Mus­lone. Qui gli stop si ver­i­f­i­cano all’improvviso (men­tre gli uomi­ni lavo­ra­no in parete), e gli auto­mo­bilisti sono costret­ti a soste che si pro­l­ungano spes­so ben oltre i ven­ti minu­ti pri­ma di avere il via lib­era. Poi matu­ra la pri­ma scelta: immet­ter­si nel­la provin­ciale per Tig­nale, per poi pros­eguire lun­go la «Tig­nal­ga» fino a Tremo­sine e scen­dere a Cam­pi­one o a Limone. Oppure con­sultare l’orologio: infat­ti si pos­sono rag­giun­gere Cam­pi­one, Tremo­sine e Limone anche seguen­do la Garde­sana, stan­do atten­ti però a non incap­pare nel bloc­co del traf­fi­co a For­bisi­cle (sud di Cam­pi­one). Qui, il tran­si­to è con­sen­ti­to di sera e di notte (tra le 16.30 e le 8.30) e nell’intervallo per il pran­zo (dalle 12.30 alle 13.30). La chiusura è sta­ta però pro­ro­ga­ta dall’Anas al 10 feb­braio. Per chi è diret­to a Limone res­ta però l’incognita di Nanzel (a sud del­la cit­tad­i­na), dove le auto pos­sono tran­sitare la mat­ti­na dalle 7.15 alle 8.15; a metà gior­na­ta (dalle 12.30 alle 13.30) e la sera: dalle 17 alle 20. Nel pomerig­gio di saba­to, la tran­sitabil­ità è assi­cu­ra­ta dalle 14 alle 20 e la domeni­ca dalle 8 alle 20. E’ insom­ma una situ­azione a dir poco com­p­lessa quel­la che si pre­sen­ta agli auto­mo­bilisti che — nei giorni feri­ali — vogliono por­tar­si da Gargnano a Limone usan­do la statale. Come si vede, la pos­si­bil­ità di pas­sag­gio è sub­or­di­na­ta al meti­coloso e pun­tuale con­trol­lo del cronometro.