Il teatro aiuta a superare il conflitto padri-figli

Generazioni sulla scena

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Nel­la cor­nice dell’hotel Desen­zano si è svolto un inter­meet­ing del Lions Desen­zano Lago ded­i­ca­to al teatro. Rela­tore d’eccezione Pao­lo Pup­pa, attore, criti­co, scrit­tore, pro­fes­sore di Sto­ria del teatro all’ di Venezia, orga­niz­za­tore di con­feren­ze e pre­sen­tazioni teatrali in tut­to il mon­do. Introdot­to dal pres­i­dente del Lions Desen­zano Host, Ladis­lao Pic­coli, il pro­fes­sor Pup­pa ha recita­to alcu­ni monologhi su «Padri in sce­na», sot­to­lin­eati dal vivo dal sax di Mar­co Bar­bara. Un’occasione per entrare nel mon­do di Pup­pa, un uni­ver­so ric­co di ten­sione inter­pre­ta­ti­va, nel quale la pre­sen­za qua­si ostile dei figli e delle nuore por­ta a lunghi momen­ti di ama­ra, pro­fon­da rif­les­sione, fino ad arrivare a una ver­ità scon­cer­tante, tut­ta da sco­prire, in un crescen­do pieno di azione dram­mat­i­ca. Il pro­fes­sore ha par­la­to del­la cre­ativ­ità, indi­can­dola come una tap­pa impor­tante del­la civiltà. Chi è in gra­do di fare qual­cosa di nuo­vo nell’ambito del­la pro­duzione artis­ti­ca è un uomo con una attiv­ità fan­tas­ti­ca accen­tu­a­ta, ha det­to Pup­pa, nel­la con­sapev­olez­za che esiste vera­mente una con­nes­sione tra immag­i­nazione e cre­ativ­ità. E forse la stes­sa cre­ativ­ità ha seg­na­to tutte le gran­di scop­erte: ecco la base del pro­gres­so, dei figli che super­a­no quel che han­no fat­to i padri. Oggi fra padri e figli esiste una dis­tan­za abissale rispet­to a un sec­o­lo fa. Il figlio, nell’800, ave­va le stesse abi­tu­di­ni del padre, uguale bagaglio cul­tur­ale e intel­let­tuale. Oggi, invece, il cam­bi­a­men­to nel­la strut­tura sociale ha accresci­u­to le dis­tanze fra gen­er­azioni. L’ultimo sec­o­lo ha rap­p­re­sen­ta­to un salto qual­i­ta­ti­vo e di capac­ità tec­niche cor­rispon­dente ai due mil­len­ni prece­den­ti: uno svilup­po tan­to accen­tu­a­to invec­chia brus­ca­mente ogni gen­er­azione. Ed ecco, seguen­do i monologhi di Pup­pa, che in ques­ta situ­azione emerge pre­po­tente il bisog­no di cre­ativ­ità, med­i­c­i­na con­tro lo smarrimento.

Parole chiave: