E' la prima manifestazione che si terrà a Desenzano del Garda il 20 ottobre 2001, presso il Palazzo del Turismo, per la valorizzazione delle limonaie gardesane, patrimonio storico e culturale del Lago di Garda a rischio di "estinzione".

GIALLO LIMONE TRA CIELO AZZURRO ACQUA

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo

GIALLO LIMONE TRA CIELO AZZURRO ACQUA è la pri­ma man­i­fes­tazione che siter­rà a Desen­zano del Gar­da il 20 otto­bre 2001, pres­so il Palaz­zo del­Tur­is­mo, per la val­oriz­zazione delle limon­aie garde­sane, pat­ri­mo­nios­tori­co e cul­tur­ale del a ris­chio di “estinzione”.L’iniziativa pen­sa­ta e volu­ta dal­la Pres­i­dente del Con­siglio Comunale,dottoressa Mari­aI­da Ger­mon­tani, si real­iz­za gra­zie al con­trib­u­to del­la­Com­mis­sione per le Pari Oppor­tu­nità del Comune di Desen­zano, alladisponi­bil­ità di illus­tri stu­diosi che offrono la loro pre­sen­za per uncon­fron­to di espe­rien­ze e di prog­et­ti, alla fat­ti­va col­lab­o­razione diim­pren­di­tori sen­si­bili alle prob­lem­atiche ambientali.Il con­veg­no prevede in mat­ti­na­ta gli inter­ven­ti che riguardano l’am­bitolo­cale: Domeni­co Fava, stori­co ed esper­to di sto­ria locale, porteràtes­ti­mo­ni­anze storiche del­l’u­ti­liz­zo socio eco­nom­i­co delle limon­aie, epasserà poi la paro­la a Loren­zo Tre­visani, “ulti­mo” colti­va­tore di limo­nia Gargnano.MariaIda Ger­mon­tani alla doman­da: “quale futuro per le limonaie“introdurrà gli inter­ven­ti di Gio­van­ni Cicognetti, architet­to esper­to inrestau­ro e cen­si­men­to di limon­aie e di archit­te­ture bio­cli­matiche e diAl­ber­ta Caz­zani, architet­to, docente del Politec­ni­co di , Facoltà diArchitettura.Il dibat­ti­to pomerid­i­ano si allargherà a liv­el­lo nazionale con gli­in­ter­ven­ti di:Giuseppe Bar­bera, pro­fes­sore del­l’ agli Stu­di di Palermo,Facoltà di Agraria, respon­s­abile del prog­et­to di recu­pero del­l’a­grume­todel­la Con­ca d’Oro e del Gia­rdi­no degli Agru­mi di Pantelleria;Giuseppe Ral­lo, architet­to, sovrin­ten­dente ai beni architet­toni­ci aVenezia e respon­s­abile del restau­ro di Vil­la Pisani a Strà;Giorgio Gal­let­ti, architet­to, sovrin­ten­dente ai beni architet­toni­ci eam­bi­en­tali a Firen­ze, diret­tore del Gia­rdi­no di Boboli e del­la CollezioneMedicea di agru­mi; Chris­tiane Gar­nero, architet­to, respon­s­abile del prog­et­to “tutela deglia­grumeti del­la Cos­ta Azzur­ra e del­la Lig­uria” ;Carmine Guar­i­no, botan­i­co, pro­fes­sore del­l’U­ni­ver­sità agli Stu­di diNapoli, Facoltà di Agraria, respon­s­abile del par­co di Capodimonte.La pre­sen­za di Jor­rit Torn­quist, docente di dis­eg­no indus­tri­ale per laco­mu­ni­cazione visi­va pres­so il Politec­ni­co di Milano, con la suadis­ser­tazione “trasver­sale” sul col­ore come ele­men­to intrin­secoal­l’am­bi­ente, sarà il filo con­dut­tore del­l’in­tera giornata.I lavori del­la mat­ti­na saran­no con­clusi da una tavola roton­da di Sindaci,Assessori e Isti­tuzioni del­la Riv­iera Garde­sana con l’o­bi­et­ti­vo dipro­muo­vere inizia­tive comu­ni per la con­ser­vazione, il restau­ro e laval­oriz­zazione delle limon­aie, pat­ri­mo­nio dell’umanità.Modererà gli inter­ven­ti la dot­tores­sa Germontani.Per creare un’at­mos­fera evo­ca­trice di sug­ges­tioni e di pro­fu­mil’alles­ti­men­to di un “Gia­rdi­no dei Limoni” di fronte al Por­to Vec­chio, èsta­to affida­to alla maes­tria e all’es­pe­rien­za di Gior­gio Galeri,responsabile di Flor­be­na­co. Gra­zie alla col­lab­o­razione con Ocean-Viag­gi, si real­izzerà la stam­pa del­ma­te­ri­ale pub­blic­i­tario e divulgativo.Sarà allesti­ta nelle sale del Palaz­zo del Tur­is­mo una mostra dites­ti­mo­ni­anze fotogra­fiche storiche e recen­ti per un elo­quente confronto,oltre ad un’e­s­po­sizione di attrezzi da lavoro vis­itabili dal pubblico.Gli inter­ven­ti del con­veg­no ver­ran­no rac­colti in atti e pub­bli­cati poi con la col­lab­o­razione del­la Grafo Editori.Il prog­et­to del­la val­oriz­zazione del ter­ri­to­rio attra­ver­so il recu­per­odelle limon­aie, strut­ture architet­toniche che han­no carat­ter­iz­za­to per­sec­oli l’am­bi­ente, la soci­età, l’e­cono­mia del­la spon­da bres­ciana del lago­di Gar­da, è nato dal­la pas­sione che lega gli orga­niz­za­tori e gli­im­pren­di­tori al ter­ri­to­rio e alle sue tradizioni, i rela­tori allo stu­dioe alla ricer­ca. L’am­bizione degli orga­niz­za­tori è quel­la di trasfor­mare­ques­ta gior­na­ta di stu­dio in appun­ta­men­to annuale di con­fron­to, dimon­i­tor­ag­gio dei lavori e delle prob­lem­atiche rel­a­tive. Il prog­et­to, chep­uò diventare uno stru­men­to di ulte­ri­ori nuove oppor­tu­nità eco­nomiche per­molti set­tori impren­di­to­ri­ali, non soltan­to tur­is­ti­ci, è sostenu­to anchedal patrocinio delle Isti­tuzioni Nazion­ali, Region­ali e Provin­ciali, La fati­cosa gior­na­ta sarà addol­ci­ta dalle lec­cornie offerte dal­la Cameo edal Ris­torante Al Fat­tore di Desen­zano. Il coor­di­na­men­to del­l’in­tera­man­i­fes­tazione è real­iz­za­to da Mar­i­aluisa Mon­e­si e da Sira Savol­di, ches­per­a­no di pot­er incon­trare tra gli impren­di­tori-let­tori diquest’ar­ti­co­lo, nuovi alleati.

Parole chiave: - -