Gienne Dicembre 2022

Buon Natale!

Inizio questo mio tradizionale incon­tro con voi, cari let­tori, augu­ran­do a voi tut­ti ed alle vostre famiglie i più sen­ti­ti ed affet­tu­osi auguri di un Buon San­to Natale.
Non vuole essere ques­ta la soli­ta e tradizionale frase augu­rale recita­ta per abi­tu­dine, ma un augu­rio affinché, oltre ad una pace e seren­ità nelle nos­tre famiglie, sia anche fori­era di una pace vera nel mon­do. Se nel mon­do c’è pace la stes­sa ci sarà anche nelle nos­tre case. Pro­prio men­tre scri­vo queste righe sono sta­to reduce di incon­tri in occa­sione del­la gior­na­ta con­tro la vio­len­za sulle donne. Ho rac­colto rac­con­ti veri e ter­ri­bili dal­la viva voce di donne che han­no subito vio­len­za. Finché ci sarà vio­len­za non ci sarà pace.
Ecco, quin­di, che il Bam­binel­lo che nascerà il prossi­mo 25 dicem­bre porterà con sé seg­ni di pace, starà a noi saper­li cogliere e met­ter­li in pratica.
Fra la gioia del anche il dispi­acere per l’ennesima perdi­ta di un ami­co e col­le­ga: Tul­lio Fer­ro. Assieme abbi­amo fat­to tan­ta stra­da ognuno con i suoi obi­et­tivi ma sem­pre legati dal rispet­to ed dal­la, vera, ami­cizia. Lo ave­vo incon­tra­to pochi giorni pri­ma del­la sua scom­parsa nel­la sua abitazione per­ché mi ave­va chiam­a­to, dopo esser­ci incon­trati in prece­den­za, per don­ar­mi una delle sue Tavine. “Sto preparan­do una mostra a Verona ma ques­ta te la voglio regalare in seg­no del­la nos­tra ami­cizia!” mi disse. Lo ricor­do, assieme alle sue figlie Lau­ra e Pao­la, con immen­sa fra­ter­nità. Ciao Tullio!
Ed un pen­siero anche alla situ­azione attuale corre d’obbligo. Crisi ener­get­i­ca, pan­demia, costi ali­men­ta­ri in con­tin­ua cresci­ta ci attanagliano ogni giorno. Ma per for­tu­na, qui sul Gar­da, questo prezioso pat­ri­mo­nio regala­to­ci dal buon Dio, la crisi sem­bra essere leg­ger­mente infe­ri­ore a quel­la di altre local­ità nazion­ali. Il tur­is­mo è anda­to in letar­go, molte delle strut­ture ricettive sono chiuse. Molti anche i ris­toran­ti chiusi per il peri­o­do inver­nale e quel­li che cer­cano di soprav­vi­vere lo fan­no spes­so tenen­do aper­to i pro­pri locali per il fine settimana.
Come mia abi­tu­dine e nel­la lin­ea edi­to­ri­ale di GN, non scen­do in polit­i­ca, ne par­lano, anche forse trop­po, altre tes­tate gior­nal­is­tiche. Spero soltan­to che il prossi­mo anno, in arri­vo, sia, se non migliore, almeno uguale a quel­lo che si va con­clu­den­do e, vis­to i tem­pi che cor­rono, sarebbe forse già un successo!
Buon a tutti!

Scar­i­ca PDF

168° Gien­ne — Dicem­bre 2022


Tutti i PDF di Gienne - Anche sul Canale Telegram