Le Ginestre: 25 anni di successi

10/11/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Le Ginestre è diven­ta­ta ormai una “can­ti­na di suc­ces­so” ed ha com­pi­u­to ormai un quan­to di sec­o­lo. E’ sor­ta infat­ti nel lon­tano 1988 per inizia­ti­va di Graziano Ruffa­to, forte di una lun­ga espe­rien­za, assieme al com­pianto padre Lui­gi, di ges­tione di una grande tenu­ta viti­co­la del­la zona.

Ed è pro­prio il vul­cani­co Graziano a com­prare a Lazise, in local­ità Casa Roina, pro­prio sot­to il castel­lo di Mon­drag­on, una venti­na di ettari di ter­reno che ha pianta­to a vigne­to Bar­dolino DOC. Nel frat­tem­po il figlio Mar­co si è lau­re­ato in viti­coltura ed enolo­gia, in trenti­no, ed entra nel­l’azien­da di famiglia por­tan­do entu­si­as­mo, nuove idee, e la tec­nolo­gia eno­log­i­ca mod­er­na.

Sono più di 20.000 le bot­tiglie che Le Ginestre pone in com­mer­cio ogni anno ed un’al­tra buona fet­ta del­la pro­duzione vini­co­la viene ven­du­ta a terzi. Le vari­età di uve, preva­len­te­mente rosse, sono autoc­tone: Corv­ina, Rondinel­la, Corvi­none e Moli­nara.

Ci sono poi i vigneti di Mer­lot e Caber­net e di uve bianche Gar­gane­ga ­ affer­mano i pro­dut­tori ­ e non man­cano Cortese, Castel­li Romani e Treb­biano. Sono tut­ti vigneti nuovi a per­go­la ed a gujot, ben esposti e con una stu­pen­da vista del lago. Abbi­amo anche oltre 600 olivi vec­chi, bel­lis­si­mi, di vari­età tipiche del Gar­da e da ques­ta pro­duzione ricavi­amo olio di oli­va DOP, molto frut­ta­to, leg­gero ed a bas­sa acid­ità che sta riscon­tran­do l’in­ter­esse non solo dei con­suma­tori locali ma soprat­tut­to dei tedeschi.”

La can­ti­na è sta­ta prog­et­ta­ta per vinifi­care fino a 400 ton­nel­late l’an­no di uva, è imposta­ta per lavo­razioni del­i­cate ed è segui­ta diret­ta­mente dal­l’enol­o­go Mar­co Ruffa­to. Si pos­sono ammi­rare anche diverse bot­ti in leg­no che con­sentono la mat­u­razione di vini anche strut­turati. Le Ginestre è poi anche for­ni­to di una ampia zona des­ti­na­ta alla ricezione tur­is­ti­ca attra­ver­so una strut­tura agri­t­ur­is­ti­ca, preva­len­te­mente des­ti­na­ta a camere con servizi ed alla zona relax.

La poca dis­tan­za dal lago ­ sot­to­lin­ea Graziano Ruffa­to ­ la zona leg­ger­mente col­linare del­la strut­tura ricetti­va, la pos­si­bil­ità di vedere anche il lago, con­sente al tur­ista , preva­len­te­mente stranieri, di godere davvero di gior­nate agresti molto rilas­san­ti. Noi pun­ti­amo sul­la qual­ità del servizio, sul­la ele­va­ta fra­gran­za dei nos­tri vini. Non ci inter­es­sa la grande pro­duzione e ven­di­ta ma sem­mai un prodot­to di forte qual­ità con un ritorno veico­la­to diret­ta­mente dal con­suma­tore, dal fruitore del servizio, da chi ha vis­su­to alcu­ni giorni a Le Ginestre, con noi, a diret­to con­tat­to del­la natu­ra e del micro­cli­ma garde­sano.”

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: