Cinque giornate positive per l’85a Festa dell’uva e del vino Bardolino

09/10/2014 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luigi Del Pozzo

Sfio­ra­to il record di bic­chiere ven­du­ti all’85° edi­zione del­la Fes­ta dell’Uva e del Bar­dolino. La man­i­fes­tazione, che ha chiu­so i bat­ten­ti lunedì 6 otto­bre dopo cinque giorni all’insegna del bel tem­po, ha reg­is­tra­to la ven­di­ta di 58mila 473 cali­ci di vetro, sfio­ran­do il record del 2012 ( 59mila 257).

Un risul­ta­to strepi­toso che fotografa il suc­ces­so di un even­to reso pos­si­bile gra­zie al lavoro svolto dal­la Fon­dazione “”, che si è dimostra­ta anco­ra una vol­ta una grande squadra”, com­men­ta il sin­da­co Ivan De Beni. “Uno dei prin­ci­pali mer­i­ti è sta­to quel­lo di miglio­rare i già otti­mi stan­dard di servizi: pen­so alla pulizia del paese nonos­tante le migli­a­ia e migli­a­ia di tur­isti che si sono river­sa­ti sul lun­go­la­go di Bar­dolino, ma anche alla sicurez­za garan­ti­ta dal­la Forze dell’Ordine e dal plo­tone di volon­tari del locale Comi­ta­to del­la Croce Rossa”, con­tin­ua il pri­mo cit­tadi­no che ha rac­colto il plau­so con­vin­to delle can­tine del ter­ri­to­rio. “Nei giorni del­la Fes­ta sono sta­ti in molti a vis­itare le aziende agri­cole di Bar­dolino seg­no tan­gi­bile di una fes­ta che ha come obi­et­ti­vo pri­mario la pro­mozione del nos­tro vino”.

Nei pri­mi giorni del­la fes­ta la mag­gior parte delle per­sone che han­no affol­la­to il lun­go­la­go e pre­so d’assalto i ven­tisette chioschi pre­sen­ti, ognuno con un pro­prio menù, era­no tedesche”, inter­viene Fabio Pasquali­ni con­sigliere con del­e­ga al tur­is­mo e man­i­fes­tazioni. “Saba­to e domeni­ca c’è sta­to invece il grande afflus­so d’italiani. Molti arrivati in pull­man dalle regioni vicine a dimostrare la popo­lar­ità di una ker­messe che ha riscos­so apprez­za­men­ti anche per la qual­ità di alcu­ni even­ti pro­posti a par­tire dal­lo spet­ta­co­lo pirotec­ni­co musi­cale sul Gar­da di domeni­ca sera.

Un aspet­to non sec­on­dario, oserei dire di pri­maria impor­tan­za, è invece il calo d’interventi di pron­to soc­cor­so. Non più di trenta sen­za alcun ricovero in ospedale. Net­ta la dimin­uzioni di ragazzi alle prese con i fumi dell’alcol a tes­ti­mo­ni­are un più atten­to e sano approc­cio al vino delle gio­vani gen­er­azioni”, con­clude Fabio Pasqualini.

La 86° Fes­ta dell’Uva e del Vino Bar­dolino si svol­gerà dall’1 al 5 otto­bre 2015

 

Parole chiave: -