Seminario delle Pro loco

Giovani e anziani motori del turismo

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Benedetta Mora

«Per noi è sta­to davvero moti­vo di grande sod­dis­fazione rius­cire a con­vin­cere l’U­nione regionale delle Pro loco lom­barde ad orga­niz­zare l’an­nuale sem­i­nario di for­mazione pro­prio nel nos­tro paese». Così Mari­na Sol­di, pres­i­dente del­la Pro loco di Padenghe, com­men­ta la tre giorni pro­mossa con il patrocinio degli asses­so­rati al Tur­is­mo del­la Regione e del­la Provin­cia e del­la Giun­ta comu­nale, ded­i­ca­ta all’ag­gior­na­men­to delle strut­ture tur­is­tiche. I lavori si sono aper­ti ieri al West Gar­da Hotel, e con­tin­uer­an­no fino a domani. Al tavo­lo com­mer­cial­isti, docen­ti di psi­colo­gia e tur­is­mo, ricer­ca­tori, esper­ti in comu­ni­cazione e infor­mazione e con­sulen­ti edi­to­ri­ali: insieme per par­lare di «inter­gen­er­azion­al­ità», ossia dar vita a un tur­is­mo che vada bene sia ai gio­vani che agli anziani e che pas­sa attra­ver­so l’es­pe­rien­za delle Pro loco. Questi alcu­ni dei temi: «Le Pro loco come luo­go del­l’in­con­tro inter­gen­er­azionale» (Michele Spara­pano, pres­i­dente Plur Lom­bar­dia), «L’in­ter­gen­er­azion­al­ità come prodot­to del sis­tema sociale» (Raf­faele De Spir­i­to), «Metodolo­gia oper­a­ti­va del­l’es­pe­rien­za vacan­za inter­gen­er­azionale — non­ni e nipoti» (Ste­fa­nia Pozzi e Lau­ra Vicoli). Oltre al filone prin­ci­pale che i rela­tori dedicher­an­no al rap­por­to tra gen­er­azioni, il con­veg­no sarà arric­chi­to da dis­cus­sioni che coin­vol­ger­an­no i pre­sen­ti in tut­ti i temi di vol­ta in vol­ta affrontati. «L’idea di ospitare a Padenghe il XV sem­i­nario di stu­dio per diri­gen­ti Pro loco del­la Lom­bar­dia — con­tin­ua Mari­na Sol­di — ci è venu­ta in occa­sione del­lo scor­so appun­ta­men­to con l’in­con­tro delle asso­ci­azioni tur­is­tiche. Da allo­ra il nos­tro con­siglio si è impeg­na­to per ren­dere la per­ma­nen­za degli ospi­ti a Padenghe la migliore pos­si­bile, nel ten­ta­ti­vo di approf­ittare del­l’oc­ca­sione per far conoscere l’ac­coglien­za del nos­tro paese. Per questo moti­vo, su nos­tra inizia­ti­va, all’in­ter­no del cal­en­dario del sem­i­nario sono sta­ti inser­i­ti momen­ti ded­i­cati anche alla degus­tazione dei del­la Valtenesi».

Parole chiave: