Una lettera dell’assessore Azzoni mette al corrente gli abitanti delle novità. Le biciclette? Solo con il bollino. Bus navetta per i lavoratori, ingresso solo due volte al giorno per i residenti

Giro di vite sul traffico in centro

18/03/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Riv­o­luzione in vista per gli ingres­si dei veicoli nel cen­tro stori­co di Sirmione. I res­i­den­ti potran­no entrare in auto solo due volte al giorno, sarà fat­to divi­eto di entrare in bici­clet­ta dal 1 giug­no al 30 set­tem­bre con eccezione dei res­i­den­ti, dei cli­en­ti degli alberghi e dei lavo­ra­tori che, però, saran­no muni­ti di un bolli­no ade­si­vo, mul­ta a chi venisse sor­pre­so passeg­gia­re a tor­so nudo (ma il divi­eto è este­so anche ad una don­na in biki­ni?), isti­tuzione di un col­lega­men­to con due bus navet­ta elet­tri­ci dalle 6.30 alle 20.30 con corse fre­quen­ti per trasportare i soli lavo­ra­tori dal piaz­za­le Monte alle . E’ guer­ra totale, dunque, ai veicoli che in effet­ti negli ulti­mi anni han­no provo­ca­to uno sta­to di inquina­men­to pre­oc­cu­pante nel bor­go più anti­co del­la peniso­la. Si trat­ta, a det­ta del con­sigliere del­e­ga­to alla Luca Azzoni che ha pro­mosso l’iniziativa in giun­ta, di «un nuo­vo cri­te­rio quan­ti­ta­ti­vo introdot­to a favore dei res­i­den­ti che pun­ta a pro­muo­vere l’auto-responsabilizzazione dell’utente e si basa sul­la pos­si­bil­ità di con­trol­li suc­ces­sivi in ordine al numero dei tran­si­ti effet­tuati». Questo uno dei pas­sag­gi con­tenu­to nel­la let­tera che lo stes­so Azzoni ha invi­a­to a tut­ti gli abi­tan­ti del cen­tro, comu­ni­can­do le novità. Gli acces­si, intan­to, ver­ran­no con­trol­lati con un sis­tema di let­tura otti­ca, poi ver­rà instal­la­ta una sbar­ra elet­tri­ca con tele­co­man­do per tenere chiu­so il parcheg­gio ris­er­va­to ai res­i­den­ti in prossim­ità del cen­tro stori­co: questo per incor­ag­gia­re a las­cia­re la pro­pria auto fuori dal ponte scaligero ben cus­todi­ta sen­za il patema d’animo di ved­er­sela rubare. A Monte Bal­do, inoltre, ver­rà amplia­to e sis­tem­ato il parcheg­gio ris­er­va­to ai lavo­ra­tori che allog­giano in cen­tro, in fun­zione delle ulte­ri­ori lim­i­tazioni introdotte quest’anno per la loro cat­e­go­ria. Potran­no uscire una sola vol­ta tra le 24 e l’1 ed entrare sem­pre una vol­ta sola tra le 6 e le 7: questo per evitare «carosel­li» di mac­chine come si sareb­bero ver­i­fi­cati lo scor­so anno. Ver­ran­no sop­presse le deroghe fino­ra con­sen­tite a certe cat­e­gorie di dipen­den­ti. In cam­bio, però, Azzoni ha dis­pos­to l’istituzione di un servizio sos­ti­tu­ti­vo di trasporto con bus elet­tri­ci tra il parcheg­gio Monte Bal­do e le Grotte a par­tire dalle 6.30 fino alle 20.30. Nat­u­ral­mente la fre­quen­za delle corse sarà pub­bli­ciz­za­ta con tabelle orarie. Nel miri­no di Azzoni sono finite, si dice­va, anche le bici­clette. A poter­la usare saran­no i soli res­i­den­ti, i cli­en­ti e i lavo­ra­tori che però dovran­no esporre un bolli­no. E per chi arri­va da fuori in bici? «Nes­sun prob­le­ma — risponde Azzoni — real­izzer­e­mo un’apposita area vici­no all’Apt ris­er­va­ta ai ciclisti: il mez­zo lo potran­no las­cia­re tran­quil­la­mente e pros­eguire a pie­di la passeg­gia­ta in cen­tro». Infine, nei prossi­mi giorni sarà atti­va­to in via sper­i­men­tale il let­tore otti­co delle tessere mag­netiche ris­er­vate ai res­i­den­ti per l’abbassamento del «pilo­mat» pos­to all’entrata del­la zona a traf­fi­co lim­i­ta­to. Gli stes­si abi­tan­ti potran­no effet­tuare due soli acces­si al giorno.

Parole chiave: