Premi Vivien Leigh e Laurence Olivier

Gli oscar della Riviera alla Casella e a Gianco

13/07/2003 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

«Vivien Leigh, è questo il mio Oscar». Così la sim­pat­i­ca attrice Alessan­dra Casel­la ha com­men­ta­to il pre­mio che le è sta­to asseg­na­to nei giorni scor­si nel Palaz­zo dei Con­gres­si a Gar­da. L’altro riconosci­men­to, inti­to­la­to al mar­i­to e grande pro­tag­o­nista del cin­e­ma, Lau­rence Oliv­er, è sta­to asseg­na­to al can­tau­tore Ricky Gian­co, ido­lo del­la musi­ca degli anni Set­tan­ta e anco­ra molto ama­to dal pub­bli­co. Il Pre­mio Riv­iera Inte­nazionale e l’Alloro del­la Riv­iera, altri due pre­mi asseg­nati nel­la ser­a­ta finale del IV Con­cor­so nazionale let­ter­ario «Pre­mio Riv­iera-Pre­mio Lau­rence Olivi­er e Pre­mio Vivien Leigh» orga­niz­za­to dal Cor­riere del­la Riv­iera in colalb­o­razione con la Fon­dazione Mariele Ven­tre di Bologna e patro­ci­na­to da , Provin­cia, Comu­ni di Gar­da e Tor­ri e , sono andati al can­tau­tore tedesco Robert Jung e al gior­nal­ista Tul­lio Fer­ro. «In ques­ta mer­av­igliosa ter­ra», ha det­to Ric­ki Gian­co, «è questo il pre­mio più bel­lo che cel­e­bra arte e cul­tura». Ricor­dan­do l’amico Luciano Beretta, il paroliere dell’indimenticabile Ragaz­zo del­la via Gluck, Gian­co ha ricorda­to che era garde­sano d’adozione. «In trop­pi l’hanno dimen­ti­ca­to», ha aggiun­to Gian­co ricor­dan­do che alcu­ni can­tan­ti, che dove­vano for­tu­na pro­prio ai testi di Beretta, lo ave­vano poi dimen­ti­ca­to, «ma in ques­ta occa­sione lo ricor­diamo con grande affet­to». Nel cor­so del­la ser­a­ta, con­dot­ta da Irene Moret­ti e Andrea Tor­re­sani, sono sta­ti con­seg­nati i pre­mi ai vinci­tori del con­cor­so let­ter­ario sud­di­vi­so nelle sezioni di poe­sie edite e inedite, nov­el­le edite e inedite e liriche sul Gar­da. Un riconosci­men­to spe­ciale, il Pre­mio Fon­dazione Mariele Ven­tre, è sta­to con­seg­na­to al marchi­giano Rena­to Mori di Osi­mo, per un com­pon­i­men­to sull’indimenticabile diret­trice del Coro dell’Antoniano di Bologna che accom­pa­gna i pic­coli pro­tag­o­nisti del­lo Zecchi­no D’Oro. La Fon­dazione, rap­p­re­sen­ta­ta dal­la sorel­la di Mariele, Maria Antoni­et­ta Ven­tre, pre­sente alla ser­a­ta di Gar­da, si occu­pa di inizia­tive benefiche a favore dell’infanzia.

Parole chiave: