Assegnati gli Oscar del Garda nella confortevole cornice del Palacongressi di Limone davanti ad uno stuolo di autorità della tre sponde del Benaco

Gran gala del Garda a Limone del Garda

22/01/2009 in Attualità
Di Luca Delpozzo

A fare gli onori di casa il sin­da­co . La ser­a­ta ad invi­ti, con­dot­ta dal­la bril­lante Lau­ra Zam­bel­li e arric­chi­ta da momen­ti di spet­ta­co­lo con l’incontenibile cabaret­tista Rober­to Valenti­no e la per­for­mance musi­cale delle Voci dell’accademia di Tre­vi­so del mae­stro Diego Bas­so, ha vis­to la con­seg­na di nove riconosci­men­ti ad even­ti, inizia­tive e per­sone che si sono par­ti­co­lar­mente dis­tinte nell’ultimo anno per aver pro­mosso il lago di Gar­da. Pre­mi divisi in due cat­e­gorie: Argen­to del Gar­da per man­i­fes­tazioni di carat­tere regionale, Oro del Gar­da per i per­son­ag­gi che han­no veico­la­to oltre i con­fi­ni nazion­ali la bellez­za del più grande lago d’Italia. A decidere le nom­i­na­tion un pool fra le più impor­tan­ti realtà d’intrattenimento, sportive e cul­tur­ali col­le­gate tra loro da un uni­co obi­et­ti­vo: pro­muo­vere la «regione» del Bena­co. Nei mesi scor­si si sono cosi trovati attorno ad un tavo­lo i respon­s­abili e orga­niz­za­tori del­la del Gar­da, Lega Bisse, il , Notte di Fia­ba, Pre­mio Sirmione Cat­ul­lo e la Mara­tona Ter­ra dei For­ti di canoa. Insieme han­no deciso di pre­mi­are con l’oro del Gar­da la gior­nal­ista Moni­ka Keller­mann, (pre­mi­a­ta da Fil­ip­po Horstmann del con­sorzio tur­is­ti­co limonese)autrice di più di set­tan­ta lib­ri di gas­trono­mia l’ultimo dei quali, in usci­ta a mar­zo, ded­i­ca­to, sem­pre in lin­gua tedesca, ai ris­toran­ti attorno al lago di Gar­da. Da sette anni ha elet­to come sec­on­do domi­cilio Cisano (Vr) e da qui fa spo­la con Mona­co dove gestisce la vinote­ca-bistrò Pun­to DiVi­no meta anche dei cam­pi­oni di cal­cio del Bay­er Mona­co. Oro del Gar­da per la sezione cin­e­ma anche al veneziano Gui­do Cera­suo­lo (pre­mi­a­to dal sin­da­co di Tor­ri e vicepres­i­dente del­la ) pro­dut­tore ital­iano dell’ultimo film di 007 sulle sponde del Gar­da. L’Oro del Gar­da per lo sport è anda­to invece ad una cop­pia tut­ta fem­minile: la bres­ciana Giu­lia Con­ti e la veronese Alessan­dra Galiot­to. La pri­ma quin­ta alle Olimpia­di di Pechi­no nel­la vela classe 470 la sec­on­da, sem­pre nei giochi dei cinque cer­chi, in finale nel K4 500 metri. Le due cam­pi­onesse sono state insignite del pre­mio da Gian­fran­co Scar­pet­ta sin­da­co di Gargnag­no e dal pres­i­dente del Con­sorzio Tur­is­ti­co Limo­mese Enri­co Piantoni. La ser­a­ta tra una pietan­za e l’altra ha vis­to il susseguir­si di pre­mi­azioni e spet­ta­co­lo con gli Argen­ti del Gar­da con­seg­nati a Char­lotte Heiss per la set­ti­mana d’arte di Ceci­na, a Dante Armani­ni orga­niz­za­tore del­la sec­on­da edi­zione del Gar­da Lake Tour, e Albi­no Marchi (a riti­rare il pre­mio Giuseppe Fil­ip­pi), per il Rock Mas­ter. Riconosci­men­ti spe­ciali per il gior­nal­ista garde­sano Tul­lio Fer­ro, alla man­i­fes­tazione “I Giorni del Miele” di Lazise, e all’attività di sol­i­da­ri­età del Lions Club Inter­na­tion­al che da una idea par­tori­ta sul Gar­da rac­colto in tut­to il mon­do 260 mil­ioni di euro des­ti­nati a sup­port­are la più grande cam­pagna di assis­ten­za san­i­taria con­tro la cecità nel ter­zo mondo.La ser­a­ta di pre­mi­azioni è sta­ta patro­ci­na­ta dai quat­tro con­sorzi di pro­mozione tur­is­ti­ca del Gar­da: Riv­iera dei Limoni, Lago di Gar­da è, Con­sorzio Ingar­da e Con­sorzio Riv­iera del Gar­da.